NR. 14 anno XXII DEL 15 APRILE 2017
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Vicenza, emozioni in cammino

Un viaggio nel tempo e nello spazio, quattro scrittrici si sono lasciate condurre da curiosità ed emozione per presentare una Vicenza non diversa ma ancora più completa di quella che già conoscevamo

di Alessandro Scandale
a.scandale@gmail.com

facebookStampa la pagina invia la pagina

Vicenza, emozioni in cammino

"Vicenza città bellissima" recitava il titolo di un importante testo stampato negli anni '80 e oggi forse ancora rintracciabile sui banchi di qualche mercatino di antiquariato o in qualche resto di magazzino in libreria. Nel frattempo di guide turistiche alla città di Vicenza ne sono arrivate più d'una - alcune a firma di insigni storici e letterati vicentini - a descrivere le bellezze (numerose) di quella che viene riconosciuta nel mondo come la città del Palladio, inteso nel senso di Andrea, il sommo architetto padovano di nascita ma vicentino d'adozione che reinventò il linguaggio dell'architettura nel mondo.

Vicenza, emozioni in cammino (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Dunque, si chiederà il lettore, a che pro pubblicarne un'altra? Cosa si potrebbe aggiungere ancora a ciò che già sappiamo? Di quali altri dettagli abbiamo bisogno per conoscere - e far conoscere - la città? La risposta la forniscono gli stessi autori del libro Vicenza - Emozioni in cammino (Cierre Gruppo Editoriale). Anzi, è al femminile che dobbiamo declinare, perché "gli autori" sono in realtà autrici, quattro donne vicentine (Rossella Menegato, Manuela Brocco, Giorgia Costeniero e Mariapia Ciani) che si sono messe in testa la brillante idea di descrivere la loro città partendo da un punto di vista diverso e accattivante. "Curiosità ed emozione è ciò che abbiamo tentato di trasmettere con questo volume attraverso un viaggio nel tempo e nello spazio - raccontano - . Progetto ambizioso, forse, ma sono queste le “molle” che hanno contribuito alla nascita dei percorsi insieme all'entusiasmo, che ha contagiato, nel corso della stesura, numerose altre persone e che, speriamo, continuerà a coinvolgere anche i nostri lettori. Un libro nato a otto mani si è via via trasformato in una catena di tanti, tantissimi cuori. Perché capire l'anima di una città non significa solo studiare la sua storia e i suoi monumenti, ma anche tentare di esplorarne la vita, la cultura, le esperienze, i fatti e i misfatti, che secolo dopo secolo hanno contribuito a costruirne l'identità e a renderla quella che è. Questo approccio non riguarda solo gli adulti, ma è fondamentale trasmettere anche ai più piccoli l'amore e la curiosità verso i luoghi che li circondano, abituandoli sin da subito conoscere meglio la città in cui vivono, la sua bellezza e quel passato che, apparentemente così lontano, è parte integrante di loro e continuerà ad accompagnarli nel loro viaggio verso il futuro ".

Primo di una serie di tre volumi (almeno nelle intenzioni delle autrici), promosso dall'associazione Assogevi con sede a villa Tacchi a Vicenza, arricchito da immagini e illustrazioni artistiche di pregio e patrocinato dal Comune di Vicenza che ne ha anche ospitato un'affollata presentazione a Palazzo Trissino a metà novembre, il libro è un bel regalo che ogni vicentino può fare, o farsi, per guardare alla città da un'angolazione originale e creativa, non più solo storica o didattica, ma "vissuta" in prima persona, grazie anche - e non solo - al contestuale progetto delle passeggiate in centro storico e dintorni che l'associazione ha organizzato (con il solo intento di promuovere il libro, tengono a precisare i promotori), con un taglio poco convenzionale per coinvolgere sia gli adulti che i più piccoli, insegnando loro ad alzare gli occhi e ad emozionarsi davanti a ciò che li circonda attraverso la narrazione delle piccole e grandi storie nascoste dietro le vie e le facciate dei palazzi. A luoghi e monumenti si associano vicende e personaggi che rendono coinvolgente il percorso, con l'aiuto della toponomastica, di curiosità, di aneddoti ed anche di un pizzico di fantasia per i bambini. Una proposta ulteriore riguarda in particolare i bambini della scuola dell'infanzia e delle prime due/tre classi della primaria. I dodici percorsi dedicati a loro sono strutturati in forma di filastrocche, che raccontano in maniera semplice e fantastica storie di allegri personaggi ambientate in tutti gli angoli della città. 

Vicenza, emozioni in cammino (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Capire l'anima di una città non significa solo studiare la sua storia e i suoi monumenti, ma anche tentare di esplorarne la vita, la cultura, le esperienze, i fatti e i misfatti, che secolo dopo secolo hanno contribuito a renderla quella che è - scrivono le autrici nelle note introduttive al libro - . Ecco perché un progetto come questo ha l'intento non solo di proporre al turista uno sguardo inconsueto e curioso su Vicenza, ma anche di offrire ai suoi stessi abitanti la possibilità di conoscerla per conoscersi meglio ed entrare così autenticamente in relazione con la città. Questo approccio non riguarda solo gli adulti, per noi è fondamentale trasmettere anche ai più piccoli l'amore e la curiosità verso i luoghi che li circondano, abituandoli sin da subito a conoscerli e a rispettarli. Ecco quindi la decisione di suddividere questo libro in due parti. La prima, destinata agli adulti e ai ragazzi, propone quattro passeggiate poco convenzionali, in cui strade e monumenti offrono il pretesto per raccontare storie, aneddoti e curiosità e presentare così una città nuova, vitale e talvolta inaspettata. I primi tre itinerari racchiudono il centro storico, cuore pulsante di Vicenza, mentre il quarto, lungo la prima cinta muraria, permette di immergersi nelle vicende dell'epoca medievale. La seconda parte è destinata ai più piccoli. Al termine di ognuna delle passeggiate, attraverso il linguaggio semplice della filastrocca, i bambini possono ripercorrere in compagnia di personaggi fantastici i luoghi visitati, familiarizzando con essi e creando un nuovo rapporto di empatia con la città stessa. Percorsi e filastrocche sono corredati da una serie di illustrazioni originali, che catturano, ognuna secondo la diversa sensibilità delle artiste che le hanno eseguite, l'anima dei monumenti che si vanno ad incontrare".

Scoprire una Vicenza inedita e poco narrata è un'idea piaciuta anche a Mario Bagnara, presidente dell’Associazione Amici dei Monumenti e della Biblioteca La Vigna. In questi ultimi anni, grazie anche ai due riconoscimenti Unesco del 1994 e 1996 che hanno stimolato interventi di restauro su numerosi edifici pubblici e privati, la città ha preso sempre maggiore coscienza della sua vocazione artistica - si legge nella prefazione dello stesso Bagnara - . Questa nuova iniziativa, già sperimentata con successo in qualche visita guidata lungo le vie del centro storico, favorisce sicuramente la scoperta o riscoperta degli aspetti storici, urbanistici, architettonici ed enogastronomici. Bagnara dunque plaude all’efficiente e appassionata équipe redazionale, formata dall’ideatrice Rossella Menegato, dall’insegnante elementare Mariapia Ciani, autrice delle simpatiche filastrocche, dalla coredattrice dei testi Manuela Brocco, animatrice culturale del CTG, e da Giorgia Costeniero, grafica che ha coordinato la schiera di ventidue giovani disegnatrici nelle raffinate illustrazioni a colori del libro. Un lavoro al femminile che ha avuto l’apporto anche maschile di Umberto Riva per i suggerimenti culinari e di Gabriele Padoan (alias Scotolati).

Alle autrici abbiamo rivolto alcune domande.

Vicenza, emozioni in cammino (Art. corrente, Pag. 2, Foto generica)

continua »

Guarda l'ultimo TG
Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar