NR. 14 anno XXII DEL 15 APRILE 2017
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Cassola sposa Toronto

Tutti in palestra

di Gianni Celi

facebookStampa la pagina invia la pagina

attività fisica

Si è sempre saputo che una costante attività fisica può produrre solo benefici effetti al corpo umano, ma fino a qualche decennio addietro non vi era alcun problema di enunciarlo perché, specie qui da noi, in una società prettamente contadina, il lavoro quotidiano consisteva in una elevata attività fisica. Poi, con la crescente industrializzazione ed il lento, ma costante, ritiro dai campi, nonché con l’utilizzo di mezzi motorizzati per spostarsi da un luogo all’altro, il tempo per far “lavorare” il fisico si è sempre più assottigliato. Ed allora si fa sempre più pressante la necessità di far muovere il corpo, oltre che la mente. A proposito di queste considerazioni ecco che un gruppo di studiosi e di ricercatori, nel maggio di diciassette anni fa, a Toronto, ha stilato una “carta” nella quale vengono evidenziate le basi per un sano vivere, grazie ad una altrettanto sana attività.

“L’attività fisica – s’ è sottolineato in quel documento - promuove il benessere, la salute fisica e mentale, previene le malattie, migliora le relazioni sociali e la qualità della vita, produce benefici economici e contribuisce alla sostenibilità ambientale. Le comunità, che per migliorare la salute promuovono l’attività fisica, possono ottenere molti di questi benefici offrendo una serie di opportunità facilmente accessibili nei diversi contesti di vita e di lavoro e per tutte le fasce d’età”. La “Carta di Toronto” per l’attività fisica sottolinea l’importanza di mettere in atto quattro azioni, basate su nove principi guida, e invita tutti i paesi, le regioni e le comunità a sollecitare un maggiore impegno politico e sociale per valorizzare l’importanza dell’attività fisica e migliorare la salute di tutti.

Eccole le quattro aree d’azione:strategia a livello nazionale, politiche di sostegno all'attività fisica (dal trasporto urbano alle campagne di comunicazione, passando per lo sport e l'istruzione), diverso e più proficuo utilizzo delle risorse finanziarie in molteplici ambiti (luoghi di lavoro, spazi verdi, sanità, ecc.), creazione di nuove e utili partnership per la promozione dell'attività fisica (gruppi di lavoro intersettoriali, collaborazioni tra profit e non profit, ecc.).

attività fisica (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Ebbene questi principi enunciati dalla “Carta di Toronto”, sono stati fatti propri dall’Amministrazione comunale di Cassola con una serie di iniziative volte a migliorare la qualità della vita dei propri concittadini, attraverso lo sport e l'attività fisica. Su invito dell'Azienda sanitaria, l'esecutivo di Aldo Maroso ha aderito infatti a questo protocollo internazionale chericonosce il movimento e lo sport come efficaci strumenti di prevenzione contro le malattie croniche e che vincola gli aderenti a sostenere e a promuovere questo tipo di attività con progetti rivolti alla popolazione adulta, anziana e ai ragazzi.

“Per ora ci rivolgeremo soprattutto agli adulti e agli anziani – ci ha spiegato l’assessore allo sport Marta Favaro Orlando, che è anche insegnante di educazione fisica - ma l'obiettivo è poi allargare il raggio d'azione cercando di interessare anche i bambini ed i giovani”.

attività fisica (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Intanto nella palestra comunale di San Giuseppe, ogni venerdì mattina dalle 11 alle 12, sarà possibile partecipare a delle lezioni di tai chi chuan, un’arte marziale morbida adatta a tutte le età, organizzate in collaborazione con l'Azienda sanitaria, mentre a breve partirà un gruppo di walkingclass, una camminata arricchita da esercizi di tonificazione. A Cassola capoluogo è inoltre da tempo attivo un corso di ginnastica per adulti proposto assieme alla locale sezione del Cif (Centro italiano femminile).

“Il nostro intento - conclude l’assessore – è quello di implementare la proposta di attività fisica aperta a tutti (bambini, giovani, adulti ed anziani), ma anche di allargare lo spettro d’azione offrendo importanti insegnamenti di sana alimentazione, a cominciare dalle scuole materne”.

 

nr. 06 anno XXII del 18 febbraio 2017



Guarda l'ultimo TG
Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar