NR. 16 anno XXII DEL 29 APRILE 2017
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 
Home | Rubriche | Mostre 

Jacques Toussaint. Anthology 1967/2017

Valmore Studio d’Arte
Contra’ Porta S. Croce, 14
Orario: su appuntamento
La mostra prosegue fino al 20 maggio 2017
Mostra a cura di Monica Bonollo

di Maria Lucia Ferraguti

facebookStampa la pagina invia la pagina

Jacques Toussaint. Anthology 1967/2017

Jacques Toussaint. Anthology 1967/2017 (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)É noto come sia complesso trasferire lo spirito di un luogo nelle arti. Jacques Toussaint, lo racchiude nella semplicità dell’elemento minimale di un segno e nel colore blu. All’inizio, guardando a ritroso del lungo percorso creativo dell’artista francese il segno iniziale prende forma e si moltiplica, evolve in unità con il variare della luce e dell’ombra. Passaggi moltiplicati di luminosità vibrante e mutevole vissuta tramite l’ energia ritmata della luminosità, sviluppano nella costruzione di triangoli e di moduli di quadrati. Segni che si trasformano, e nella loro unione con il neon entrano nelle opere evolvendo nei segmenti tubolari della luce blu, morfemi flessibili, plastici, di una lingua atemporale, leggera e luminosa.

Jacques Toussaint. Anthology 1967/2017 (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Scrive Monica Bonollo curatrice della mostra: “Risulta fondamentale l’adesione posta allo spazio come elemento definibile e capace di una propria espressività. Lo spazio viene reso e scandagliato con grande lucidità e rigore, mediante costruzione dell’impianto ortogonale e con l’introduzione in alcuni casi di forme allusive”. Toussaint artista parigino studia presso l’Ecole Nationale Supérieure des Beaux Arts e dal 1971 si trasferisce in Italia. Partecipa a numerose mostre in gallerie ed istituzioni italiane ed estere. Molte le sue personali, importante quella tenuta nel 2014 al Palazzo delle Stelline di Milano dal titolo “...Que du bleu!!!”, in collaborazione con l’Institut Français. Molte sono le sue installazioni, tra cui a Como nell'ex chiesa di San Francesco e più recentemente a Bologna nella basilica romanica dei Santi Vitale e Agricola, a Budrio e a Crespellano. Sue opere sono presenti nelle collezioni permanenti del Denver Art Museum, del Die Neue Sammlung di Monaco di Baviera, del Kunstgewerbemuseum di Berlino, del Museo Nazionale di Poznan in Polonia, e della Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Forti a Verona. Nel lavoro di Jacques Toussaint risulta fondamentale l'attenzione posta allo spazio come elemento definibile e capace di una propria espressività. Lo spazio viene reso visibile e scandagliato con grande lucidità e rigore, mediante costruzione dell'impianto ortogonale e con l'introduzione in alcuni casi di forme allusive di particolare suggestione. Recentemente l’artista si è dedicato a istallazioni site-specific intitolate “L’esprit des lieux”, lo spirito dei luoghi. Nel 2016 a Como Toussaint realizza una grande istallazione nella ex-chiesa dedicata a San Francesco, ora Spazio Culturale Antonio Ratti.



Guarda l'ultimo TG
Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar