NR. 37 anno XXIII DEL 20 OTTOBRE 2018
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 
Home | Rubriche | Mostre 

Renato Freddolini

Villa Thiene - Quinto Vicentino
Orario: lunedì e giovedì 9.30-12.30 e 16.30 -18.30
da martedì a venerdì 9.30-12.30; sabato e domenica 16.30 -18.30
Chiude il 28 gennaio 2018
Presentazione di Marzia Maino
Incontro con l’Autore sabato 20 gennaio alle ore 17

di Maria Lucia Ferraguti

facebookStampa la pagina invia la pagina

Renato Freddolini

È pur sempre la realtà quella che sul filo dei versi di Dag Hammarskjöld, Francesco Scarabicchi, Francesco Battiato e dell’autore Renato Freddolini appare nelle immagini fotografiche in bianco e nero di quest’ultimo. La mostra dal titolo “Con gli occhi della luce” contiene già la luminosità delle fotografie, ne diviene il fondamento nell’intesa profonda, quando il territorio e così famigliare da far coincidere la natura a un’immagine geometrica fissata entro atmosfere di luminosità: “gli scatti sono figli di un territorio geometrizzato” afferma Freddolini. La fotografia in digitale e pellicola trasforma il reale in colore e luce in dialogo con le suggestioni del chiaroscuro, in immagini separate dove la visione della natura appare in fragile equilibrio. “È forse questo un nuovo paese in un mondo ove il reale non appartiene al Giorno”. (Dag Hammarskjöld). In Freddolini convivono la dimensione della realtà e quella mutata dall’arte fotografica. Da qui i frutteti di ciliegi evolvono in evanescenti biancori, in lievissimi morbidi passaggi di soffocate luminosità, la neve nei distesi alpeggi sulla traccia lineare dei sottostanti prati, e quella dei boschi che trasforma ogni tronco in segno calligrafico orientale. ”Porto in salvo le parole, curo l’ombra dell’erba, la coltivo alla luce notturna delle aiuole, custodisco la casa dove vivo, dico piano il tuo nome, lo conservo per l’inverno che viene, come un lume” (Scarabicchi). Nella fotografia anche i sassi nell’acqua del torrente attivano il risalto oscuro della loro energia in contrasto con vicini chiarori". [...] Vivo nei giorni grigi senza l’ansia di possederli (Freddolini) “Nell’atmosfera nebbiosa l’albero svapora"; “…e il mio maestro m’insegna com’è difficile trovare l’alba entro all’imbrunire”. (Franco Battiato). Solo alcune rare figure entrano nelle fotografie, effimeri corpi al seguito della sensibilità del loro autore.

Freddolini ha seguito i corsi di Roberto Salbitani presso la “Scuola di fotografia nella natura” di Mogginano (Ar) e presso il “Centro di ricerca ed archiviazione fotografica” (CRAF) di Lestans (PN).Nel 2005 la rivista “Gente di Fotografia” gli ha dedicato una recensione per il suo lavoro sul mare. Numerose le esposizioni a Vicenza, Padova, Macerata e Palermo.

Renato Freddolini (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar