NR. 19 anno XXIII DEL 19 MAGGIO 2018
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Aiuti al "Lane", c'è anche Tva Vicenza

La nostra emittente devolverà al club il 20% degli incassi ricavati nelle trasmissione sportive

di L.P.

facebookStampa la pagina invia la pagina

Aiuti al "Lane", c'è anche Tva Vicenza

Il Vicenza Calcio chiama. E anche Tva Vicenza risponde. C'è pure la nostra emittente tra le aziende che in queste settimane hanno garantito il loro aiuto al club biancorosso che sta vivendo sicuramente, almeno sotto il profilo dirigenziale, il momento più difficile dei suoi 116 anni di storia, essendo stava fondata nel marzo 1902.

Il "Lane", come viene chiamato dai tifosi nel ricordo dello storico marchio Lanerossi (con la "R" tornata a campeggiare nelle magliette dall'inizio degli Anni Duemila per concessione della famiglia Marzotto), è stato dichiarato fallito il 18 gennaio scorso del Tribunale e da quel giorno è guidato dal curatore fallimentare Nerio De Bortoli, che ha potuto procedere attraverso il cosiddetto "fallimento pilotato". Dopo che a metà dicembre non erano stati pagati gli stipendi arretrati (una mancanza che al Vicenza costerà la penalizzazione di 4 punti in classifica) a metà febbraio lo stesso curatore ha firmato l’ordine di pagamento di due mensilità a giocatori e dipendenti, grazie ai soldi arrivati dalla Lega Pro che ha escusso la fideiussione (pari a quasi 800 mila euro) firmata in estate a garanzia dalla proprietà che allora era Vi.Fin.


Nella corsa contro il tempo grandi protagonisti i tifosi: dal conto Iban ai nuovi abbonamenti sino ai braccialetti. Ora è in arrivo la maglietta "polo"

Aiuti al «Se mettiamo insieme il dettaglio delle entrate e delle uscite emerge che è di 805 mila euro, al netto di eventuali imprevisti, il fabbisogno di cassa fino a fine giugno. Diciamo che per stare tranquilli servirà un milione, che dovremo cercare di racimolare soprattutto con l'aiuto di aziende, sponsor e tifosi. Serve l'aiuto di tutti». Fu questo il messaggio lanciato lo scorso 26 gennaio, a Palazzo Trissino, dallo stesso curatore fallimentare e dal sindaco Achille Variati: il tutto avvenne durante una conferenza stampa, che fu preceduta da un incontro (a porte chiuse) con una ventina di rappresentanti di tutti gli ordini professionali e le categorie economiche del territorio a cui fu rivolto l'invito di proporre ai propri iscritti due opportunità: la personalizzazione dei seggiolini della tribuna dello stadio Menti, da rivestire con il logo dell'azienda o magari con il nome del papà grande tifoso del Lane, e un'associazione in grado di promuovere l'azionariato diffuso.

In questa corsa contro il tempo, che dovrebbe consentire alla squadra di portare a termine il campionato e di procedere poi con l'asta pubblica di vendita del club, anche i tifosi stanno facendo la loro parte. Tra le numerose iniziative già lanciate - tra le altre in arrivo in queste settimane c'è anche una maglietta celebrativa e una t-shirt "polo" di colore rosso, azzurro e blu con la "R" della Lanerossi sul petto - quella più importante è stata denominata "Operazione Cuore Biancorosso: come salvare il Vicenza Calcio".

«Abbiamo un obiettivo da raggiungere - fu lo slogan lanciato dal curatore e rivolto a tutti - e vogliamo conseguirlo al più presto, con responsabilità, serietà e trasparenza. Ti chiediamo di sostenere questo momento sportivo, fondamentale per il futuro del Club. Vicenza Calcio ha varato l’operazione "Cuore Biancorosso", un conto corrente dedicato Unicredit dove ogni tifoso, appassionato, sostenitore, chiunque abbia a cuore questa squadra e quello che rappresenta, può fornire il suo contributo. Ti chiediamo una donazione volontaria, con un limite massimo di euro 50 a volta». Nell'occasione fu poi specificato il numero di codice Iban (IT37V0200811820000105095300) con la seguente causale: donazione volontaria Sostieni la tua passione, #We Are Vicenza Calcio.

Un'iniziativa alla quale i tifosi biancorossi stanno contribuendo in maniera generosa e massiccia: secondo i dati aggiornati dallo stesso dottor De Bortoli alla fine della settimana scorsa in questo conto corrente sono già stati depositati quasi 80 mila euro con quasi 1.500 sottoscrizioni, a cui va aggiunta la vendita degli abbonamenti del girone di ritorno (circa 500 in pochi giorni), e l'incasso del derby contro il Padova e contro la Reggiana, partite nelle quali le quote paganti sono state rispettivamente di 52 mila e 12 mila euro. L'ultima iniziativa in ordine di tempo la realizzazione di un braccialetto bianco, acquistabile proprio dal match contro la Reggiana con un contributo minimo di 5 euro. Tutte le iniziative proseguiranno ad oltranza sino a giugno o comunque sino all'asta di cessione del club.


I termini dell'accordo tra Tva e il Vicenza Calcio. Cegalin: «Un dovere dare il nostro aiuto». De Bortoli: «Spero sia da esempio per altre aziende»

Ecco il comunicato del Vicenza Calcio emesso nel pomeriggio di lunedì 26 febbraio e relativo alla generosa offerta di Tva Vicenza: «Èstato sottoscritto nella giornata odierna un importante accordo commerciale tra Tva Vicenza e il Club biancorosso. L’emittente televisiva vicentina ha scelto di sostenere il momento sportivo del Club corrispondendo una parte dei propri incassi pubblicitari, pari al 20 per cento, connessi alle trasmissioni di approfondimento sportivo “Rigorosamente Calcio”, in onda tutti i lunedì dalle ore 21 e "Diretta Biancorossa”, in onda durante le partite del Vicenza Calcio. Il curatore fallimentare, dott. De Bortoli, esprime un sincero ringraziamento al direttore generale di Videomedia Spa, dott. Claudio Cegalin, per la sensibilità dimostrata a fronte di una iniziativa che sottolinea come il Vicenza Calcio e i colori biancorossi siano un autentico patrimonio da difendere e sostenere tutti insieme».

Aiuti al «Tva Vicenza festeggia quest'anno i suoi 40 anni di storia - aggiunge il direttore generale Cegalin - e in questi quattro decenni credo non ci sia stato un solo telegiornale nel quale non si sia parlato del Vicenza Calcio. Senza contare le telecronache delle partite, le trasmissioni andate in onda prima, durante e dopo gli eventi, che hanno sempre accompagnato i telespettatori di Tva. In questo momento di difficoltà del club calcistico, amato non solo in città, ma  in tutto il Vicentino e anche fuori provincia, la nostra azienda non poteva non esserci. Per questo abbiamo deciso di lanciare questa iniziativa a favore del club. Consegneremo gli introiti pattuiti direttamente nelle mani del curatore fallimentare».

Aiuti al «Aver ricevuto da Tva Vicenza questa proposta - ha poi precisato il curatore fallimentare ai microfoni della nostra emittente - per me è stata una felicità immensa. Lo ritengo un gesto di grande solidarietà economica, non solo culturale e sportiva. Si tratta di un esempio da seguire: mi auguro e spero che altre aziende mi propongano idee simili. In questo momento non abbiamo neanche il tempo di pensare ad ulteriori altre iniziative, oltre a quelle già messe in campo. Ogni attività economica, azienda e professionista sa quanto potrà donare al Vicenza Calcio, ogni contributo è ben accetto. Grazie a tutti».

 

nr. 08 anno XXIII del 3 marzo 2018



Guarda l'ultimo TG
Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar