NR. 37 anno XXIII DEL 20 OTTOBRE 2018
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Anche su Bassano
il ciclone Lega

L'analisi del voto nei comuni del territorio

di Gianni Celi

facebookStampa la pagina invia la pagina

Terremoto politico

Il dato più interessante delle nuovi elezioni politiche, a Bassano capoluogo e nei Comuni del territorio, è anche qui da noi l’avanzata della Lega che si è affermata ovunque come primo partito. Il suo ricco bottino ha lanciato il centrodestra verso nuovi progetti di governo del mandamento. Anche i Cinque Stelle hanno fatto la loro parte ed entrambi i protagonisti primi di questa tornata elettorale, hanno tolto spazio al centrosinistra, relegato in una terza posizione tutta da valutare per i maggiorenti della coalizione.

Ma vediamo intanto cosa è successo a Bassano e nel Bassanese. Partiamo dall’affluenza alle urne che ha visto primeggiare il Comune di Pove del Grappa con una percentuale di tutto rilievo, vale a dire l’85,81 per cento. Tutti gli altri Comuni hanno superato la soglia dell’ottanta per cento ad eccezione di Valstagna (76,8) e di Bassano (78,18). E adesso passiamo al voto della Camera. Il centrodestra ha fatto il pieno, con indici più o meno significativi, ovunque, ma la palma del più forte spetta a Rossano con ben il 60,45 per cento seguito da Tezze sul Brenta (58,84), da Rosà (58,33), da Mason (57,89), da Cartigliano (56,92) e dagli altri che hanno registrato percentuali superiori al 50 per cento, ad eccezione di Bassano (48,21), Valstagna (40), Solagna (44,39) e San Nazario (42,91). Vediamo ora i due partiti di questa coalizione che hanno avuto più consensi. La Lega è arrivata prima a Rossano (45,31%) seguita da Cartigliano (44,21), da Rosà (43,92), da Mason (43,02), da Mussolente (41,63) e da altri. Il Comune meno leghista è risultato Valstagna con una percentuale del 28,26%. Basse, rispetto alla straripante Lega, le percentuali di Forza Italia con il consenso più alto visto a Campolongo sul Brenta (12,65), seguito da Bassano (12,38), Romano (11,84), Rossano (11,74), Tezze sul Brenta (10,97) e dagli altri. Il Comune meno “berlusconiano” è San Nazario (5,88%).

Terremoto politico (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)E il centrosinistra? Il primato va a Bassano con il 23,42 %, seguito da Nove (21,66), Molvena (21,12), Cismon (20,98), Marostica (20) e gli altri. Il Comune meno di “sinistra” è Tezze sul Brenta (12%). Il Partito Democratico primeggia a Bassano (18,87%), seguito da Nove (18,68), Campolongo sul Brenta (18,46), Cismon del Grappa (17,36), Valstagna (16,78) e così via. E qui il Comune meno “renziano” è Cartigliano (10,11%).

Infine ecco i dati dei Cinque Stelle con Valstagna al primo posto (32,87%), seguito da Solagna (30,71), San Nazario (29,30), Cartigliano (26,11), Pove del Grappa (25,22) e via dicendo. In questo caso il meno “grillino” è Molvena con il 18,55%.

Cambiano di poco i risultati al Senato con il centrodestra vincitore alla grande a Tezze su,l Brenta (58,31%), seguito da Rosà (57,57), Mason (57,37), Molvena (56,35) Cartigliano (54,88) e via. La Lega è forte a Rosà (43,66) inseguita da Tezze sul Brenta (42,87), Mason (42,70), Cartigliano (42,19), Molvena (42) e via.

Forza Italia invece si fa notare a Bassano (12,47) seguito da Campolongo sul Brenta (12,35), Romano d’Ezzelino (11,63), Pove del Grappa (10,56), Mussolente (10,48) e via. San Nazario è fanalino di coda con il 6,06%.

Bassano, nella coalizione di centrosinistra, è primo (24,08 %) seguito da Cismon del Grappa (22,70), Campolongo sul Brenta (22,23), Molvena (21,15) Nove (21,7) e gli altri. Il PD vince a Campolongo sul Brenta (20,67) e, a seguire, a Cismon (19,67), Bassano (19,63) Nove (19,05), Molvena (17,86) e via. Meno di sinistra è Tezze sul Brenta con l’11,35%.

Cinque Stelle primi a Valstagna (33.12%), seguiti da Solagna (30,95), San Nazario (27,80), Cartigliano (26,68), Pove del Grappa (25,81) e il meno “stellato” è Molvena con il 18,47%.

Potrebbe essere interessante rileggere quello che scrivemmo su “La Domenica di Vicenza”, dopo le elezioni del 24 e 25 febbraio del 2013 che registrarono una caduta paurosa della Lega, per meglio capire quale sia lo stravolgimento politico avvenuto nel mandamento con questo ritorno alle urne

Eccoli i dati di cinque anni fa relativamente ai risultati della Lega: “A Cartigliano, rispetto alle elezioni politiche del 2008, è stato registrato un meno 28,16 alla Camera e un meno 26,84 al Senato; a Tezze sul Brenta, meno 27,7 alla Camera e meno 25,84 al Senato; a Rossano, meno 24,84 alla Camera e meno 24,20 al Senato; a Mussolebte, meno 26 alla Camera e meno 23,51 al Senato; a Rosà, meno 26,72 alla Camera e meno 23 al Senato; a Mason, meno 21,63 alla Camera e meno 20,54 al Senato; a Romano d’Ezzelino, meno 22,32 alla Camera e meno 20,48 al Senato; a Cassola, meno 21,73 alla Camera e meno 20,08 al Senato. E fermiamoci qui. Il divario, in negativo, fra Camera e Senato poi sta a significare che i giovani che si approcciano al voto, contrariamente a quanto avveniva fino al 2008, hanno sempre meno simpatie leghiste. E gli altri partiti? Quelli classici hanno perso tutti, ma in misura meno indolore rispetto alla Lega. Per quanto riguarda il Popolo della libertà, infatti le perdite sono state tutte al di sotto del dieci per cento e, per il Partito Democratico, ad eccezione di Valstagna (-8,18) ci si è fermati attorno al meno cinque per cento”.

Parlammo poi dei risultati 2013 del capoluogo: “Vediamo ora come ha votato la città di Bassano. Al Senato il Pdl s’è fermato al 19,89 e la Lega al 10,38 (32,59 la coalizione di centrodestra). Il Pd è il primo partito al Senato con il 23,12 per cento (24,81 la coalizione di centrosinistra), seguito dal Movimento 5 Stelle al 21,79, da Scelta Civica con Monti, al 13,15, da per Fare per fermare il declino al 2,94. Le percentuali cambiano invece alla Camera dove il primo partito è quello del Movimento 5 Stelle con il 23,48 per cento, il Pd con il 21,04, il Pdl con il 19,04, Scelta Civica con Monti con il 12,34 e la Lega con il 9,73. Ed ecco il raffronto fra il 2013 ed il 2008 per i maggiori partiti. Al Senato la Lega, a Bassano ha perso il 15,49, il Pdl l’8,72 ed il Pd il 5,01. Alla Camera la Lega ha fatto registrare un -17,12, il Pdl un -7,89 ed il Pd un -6,48”.

Ecco invece alcuni dati interessanti rilevati nei Comuni del territorio. A Solagna a raccogliere più voti rispetto alle due coalizioni di centrodestra e centrosinistra è il Movimento 5 Stelle che si porta a casa il 29,47 alla Camera ed il 28,35 al Senato, seguito dalla coalizione berlusconiana (25,72 alla Camera e 26,36 al Senato) e da quella di Bersani (22,99 alla Camera e 25,47 al Senato). Il Comune in cui la compagine di Grillo ha raccolto più voti è stato Cartigliano con ben il 31,39 alla Camera ed il 29,80 al Senato (meno votato il movimento dei grillini, al Senato, è stato a Cismon con il 19,23 per cento ed a Molvena, con il 22,36 per cento).

La coalizione di centrodestra più votata, al Senato, la troviamo a Rossano (42,67) e a Rosà (41,65). Valstagna e Cismon sono invece i due Comuni in cui la coalizione di centrosinistra è stata la più votata rispetto al mandamento, sempre al Senato (33,17 e 30,38). Restando ancora al Senato la Lega è stata la più votata a Rosà con il 21,29 per cento (era al 44,29 nel 2008); il Pdl è stato il più votato a Tezze (22,90) ed il Pd a Valstagna (30,65)”.

Vedete come sono cambiati gli equilibri politici nel nostro territorio con questo terremoto elettorale!

 

nr. 09 anno XXIII del 10 marzo 2018



Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar