NR. 19 anno XXIII DEL 19 MAGGIO 2018
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Sottopasso ferroviario e park

Bassano si rinnova

di Gianni Celi

facebookStampa la pagina invia la pagina

Sottopasso ferroviario e park

Due sono stati gli interventi di una certa rilevanza portati a buon fine dall’Amministrazione comunale sul tema della viabilità. Il primo riguarda il riposizionamento del sovrappasso ferroviario tra Via Piave e Via Gramsci nel Quartiere di San Vito ed il secondo l’apertura di un parcheggio gratuito nella zona di Largo Parolini.

Il sovrappasso era stato chiuso a fine gennaio del 2015 e rimosso alcuni mesi più tardi, perché i tecnici della Rete ferroviaria italiana avevano fatto presente all’Amministrazione che quel manufatto rappresentava un pericolo per i treni che dovevano transitare lungo la linea Bassano-Trento. A dire il vero si trattava di un passaggio importante per gli abitanti di quella zona perché offriva la possibilità di accedere ben più comodamente al centro storico. Senza quella struttura erano due le soluzioni per arrivare in centro: o camminare lungo Via Passalacqua o lungo Viale Venezia.

Sottopasso ferroviario e park (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Per sollecitare l’intervento degli amministratori al ripristino il più immediato possibile di quella “passerella”, negozianti e residente del quartiere avevano promosso una petizione con la raccolta di centinaia di firme. A smuovere le acque, per primo, era stato il consigliere comunale di opposizione, Mariano Scotton, il quale aveva fatto presente all’Amministrazione quanto fosse grave il disagio per la popolazione di quella zona tagliata in due dalla linea ferroviaria. Quel sovrappasso era utilissimo sia per i pedoni che per i ciclisti che potevano attraversare i binari in sicurezza senza la necessità di pedalare su due strade particolarmente trafficate e pericolose per i ciclisti.

Marzo 2018 è stato il mese che ha posto fine a questo problema e la nuovissima passerella di pregevole fattura, è stata sistemata per la gioia dei residenti. Per offrire la massima garanzia di sicurezza nell’installazione del sovrappasso, l’Amministrazione ha emanato una ordinanza con la quale si stabiliva: “ di interdire al traffico pedonale e veicolare (eccetto che per i mezzi d’opera) nei giorni dal 19 al 23 marzo, l’area corrispondente al parcheggio di via Gramsci, eccetto che per il transito pedonale, ai condomini prospicienti il parcheggio attraverso appositi corridoi protetti posti ai lati del parcheggio; di istituire il divieto di sosta temporanea 0-24 con rimozione forzata nei giorni dal 19 al 23 marzo nell’area parcheggio di via Gramsci; di istituire il divieto di sosta temporanea 0-24 con rimozione forzata nei giorni 19-20-21 marzo sui lati est ed ovest di via Gramsci e di via Vaccari e sul lato nord di viale Venezia nel tratto compreso tra il ponte ferroviario e via Vaccari; di istituire un divieto di sosta in via Piave dal civico 33 fino alla scalinata di ingresso al ponte pedonale”.

Per l’installazione si è lavorato nel cuore della notte, fra il 20 ed il 21, ed ora finalmente quel brutto taglio è stato ricucito. Il costo dell’operazione si aggira attorno ai 114 mila euro e adesso bisogna aspettare il collaudo da parte dei tecnici delle Ferrovie, dopo di che il sottopasso potrà essere definitivamente riaperto.

Il secondo intervento ancora più importante, realizzato nei giorni scorsi, interessa l’area attigua alla stazione ferroviaria di Largo Parolini. Subito a sud della stazione stessa è prevista, ormai da decenni, una strada inserita nel famoso “Piano Mar”, la cui costruzione permetterebbe di autorizzare il doppio senso di marcia lungo Viale Parolini diminuendo il traffico che attualmente insiste su quell’arteria. Questa operazione sarebbe quanto mai importante per dimezzare il transito veicolare lungo Discesa Brocchi che, nelle ore di punta, è quotidianamente intasata da auto e moto.

Sottopasso ferroviario e park (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)L’operazione effettuata adesso apre ad un parcheggio gratuito di ben 106 posti auto in una zona in cui la carenza di parcheggi si faceva sentire da lungo tempo. Un negoziante della zona, Fabio Dalle Nogare, presidente della categoria alimentaristi della Confcommercio, aveva fatto presente all’Amministrazione comunale da diverso tempo, la necessità di utilizzare quello slargo, in attesa dell’avvio, tramite la società Numeria, che lo dovrebbe realizzare, del Piano Mar. Il sindaco, Riccardo Poletto, con la collaborazione del suo assessore alla mobilità Roberto Campagnolo, ha dato l’ok per la sistemazione dell’area e per un paio d’anni, prima che qui venga costruita una rotonda, le auto potranno sostare liberamente 24 ore su 24. Si sta pensando ora di ampliare lo spazio per il parcheggio arrivando a circa duecento posti auto, il che risolverebbe una volta per tutte un problema non da poco per chi vuole utilizzare il treno per lavoro oppure raggiungere comodamente il centro storico senza sborsare un centesimo.



nr. 12 anno XXIII del 31 marzo 2018

Guarda l'ultimo TG
Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar