NR. 37 anno XXIII DEL 20 OTTOBRE 2018
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Caldo record ad aprile, stagione anticipata

Il presidente della Coldiretti: «Temperature anomale per il mese, diverse colture già pronte»

di L.P.

facebookStampa la pagina invia la pagina

Caldo record ad aprile, stagione anticipata

LE TEMPERATURE DI APRILE A VICENZA

    Media    Minima    Massima 
  Domenica 1    11.7    5.2    18.9 
  Lunedì 2    11.4    2.2    18.6 
  Martedì 3    11.8    7.2    15.9 
  Mercoledì 4    10.8    9.1    12.4 
  Giovedì 5    13.2    9.3    18.0 
  Venerdì 6    13.6    8.8    19.2 
  Sabato 7    13.2    7.0    19.4 
  Domenica 8    12.7    5.6    19.4 
  Lunedì 9    13.3    8.3    20.5 
  Martedì 10    13.4    8.9    18.2 
  Mercoledì 11   12.3    7.9    16.6 
  Giovedì 12    13.1    11.0    15.1 
  Venerdì 13    13.2    7.3    18.5 
  Sabato 14    13.9    6.3    21.6 
  Domenica 15   15.6    9.4    22.3 
  Lunedì 16    16.4    9.7    24.5 
  Martedì 17    17.5    11.8    23.6 
  Mercoledì 18   17.4    9.6    25.7 
  Giovedì 19    17.8    9.1    25.9 
  Venerdì 20    19.1    9.1    28.7 
  Sabato 21    19.1    9.9    27.2 
  Domenica 22   17.9    9.6    26.6 
  Lunedì 23     17.7    9.8    25.2 
  Martedì 24    18.7    10.9    26.5 
  Mercoledì 25   19.2    12.0    26.9 
  Giovedì 26    19.8    12.0    26.4 
  Venerdì 27     18.4    12.0    23.7 
  Sabato 28    19.0    10.3    26.6 
  Domenica 29   18.9    12.8    25.6 
  Lunedì 30    18.4    12.7    22.9 

Dopo un 2017 caratterizzato da temperature sopra la media in quasi tutti i mesi, anche il 2018 sembra non fare sconti. A dirlo sono i valori relativi al mese di aprile (riassunti nella tabella qui a fianco e relativi alla strumentazione Arpav di Vicenza, posta nel quartiere dei Ferrovieri, all'interno del Parco Retrone) che per alcuni giorni ha fatto registrare valori più tipici di inizio estate che non di iniziale della primavera. Il portale www.ladomenicadivicenza.it ha voluto approfondire il tema, intervistando anche il presidente della Coldiretti di Vicenza, Martino Cerantola, per capire come queste temperature anomale stanno condizionando le coltivazioni di inizio stagione, in particolare asparagi, ciliege e fragole.

 

Record storico stabilito il 20 aprile con la massima a 28.7° C. Per tutta la seconda del mese mai sotto i 22 gradi

Statistiche alla mano difficile dire con sicurezza se si tratti di un record storico, ma probabilmente lo è: ci riferiamo alla temperatura massima registrata a Vicenza venerdì 20 aprile quando la colonnina del mercurio è salita sino a 28.7° C, una valore mediamente più consono al mese di giugno, mentre il giorno successivo (sabato 21) la colonnina del mercurio è invece arrivata a 27.2 gradi. In realtà, come si può notare scorrendo la stessa tabella qui a fianco, questi valori non hanno rappresentato dei "picchi" anomali ma una costante, se è vero che in tutta la seconda metà di aprile, da domenica 15 a lunedì 30, il valore massimo non è mai stato inferiore ai 22 gradi, con il più basso registrato proprio domenica 15 con 22.3° C. Nello specifico si è trattato, almeno per quanto riguarda la seconda parte di aprile, di un periodo caratterizzato da un persistente soleggiamento, con una spiccata escursione termica, se è vero che per sei giorni consecutivi, da mercoledì 18 a lunedì 23, la temperatura minima è sempre stata inferiore (se seppur di pochi decimi) inferiore ai 10 gradi.

Tornando al caldo anomalo di aprile va anche registrato che i valori termici di questo mese sono in forte controtendenza con le temperature registrate sempre a Vicenza a marzo, più precisamente nella parte finale del mese, nel quale per tre giorni di fila, dal 22 al 24, la temperatura è scesa addirittura sotto lo zero (-0.1° C giovedì 22, -0.9 il giorno successivo e -0.6° C sabato 24) e anche le massime, comprese tra 11 e 12 gradi, erano state molto basse.

 

Martino Cerantola, presidente Coldiretti Vicenza: «Stagione anomala ma al momento positiva: asparagi, ciliege e fragole già pronte in questi giorni»

Un'analisi della situazione, anche per capire come sta procedendo la stagione dell'agricoltura nel Vicentino, la facciamo assieme a Martino Cerantola, presidente provinciale della Coldiretti Vicenza, che di dice stupito dei valori legati alle temperature di aprile.

Caldo record ad aprile, stagione anticipata (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)«Pur non avendo dati alla mano - assicura Cerantola - posso dire con buona sicurezza che a mia memoria non è mai successo di registrare valori così alti nel mese di aprile. Di certo si tratta di una stagione anomala, perché il mese di marzo è stato caratterizzato da temperature fredde, anche sottozero, quindi di fatto la cosiddetta "mezza stagione" di fatto non l'abbiamo visto neanche per pochi giorni».

Eccoci la situazione di alcune colture, perlomeno quelle più rinomate della nostra provincia, nell'osservatorio privilegiato della Coldiretti vicentina. «In questo momento (l'intervista è stata realizzata mercoledì 2 maggio, ndr.) - aggiunge Cerantola - possiamo dire che la stagione è più che anticipata, ma ora bisognerà vedere che cosa succederà nel mese di maggio, perché se le temperature dovessero abbassarsi, o comunque ritornare nella media, il rischio è di un nuovo rallentamento: in questo momento è difficile fare analisi precise. Comunque analizzando le varie specie possiamo dire che per quanto riguarda l'asparago bianco, coltivato soprattutto nel Bassanese e nella Pedemontana ma anche in altre aree della provincia, il caldo delle ultime settimane sta garantendo una notevole produzione ma anche un'ottima quantità. Vantaggi in questo senso si registrano anche per i consumatori, visto che al mercato all'ingrosso i prezzi registrano un abbassamento, quindi i costi, almeno in questo periodo, sono accessibili».

Buone notizie anche per quanto riguarda le produzioni della frutta primaverile più pregiata. «Le prime fragole coltivate nei nostri territori sono ormai pronte e saranno sul mercato la prossima settimana - l'annuncio del presidente della Coldiretti - mentre proprio questa mattina ho sentito i responsabili del Consorzio di Tutela della Ciliegia di Marostica Igp che mi hanno confermato che la stagione è in anticipo e nella prima quindicina di maggio, se le temperature resteranno ai livelli delle settimane scorse, saranno sul mercato le cosiddette ciliegie primizie. La stagione dell'uva? È troppo presto per analizzare la situazione, qualsiasi siano i valori di buona parte della primavera non influenzeranno la produzione e la qualità, legate invece alle temperature durante l'estate».



nr. 17 anno XXIII del 5 maggio 2018

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar