NR. 14 anno XXIV DEL 13 APRILE 2019
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Piano di marketing, Vicenza nel futuro

A 22 anni dal primo studio la Confcommercio berica realizzerà un nuovo documento urbano in collaborazione con il Comune

di L.P.

facebookStampa la pagina invia la pagina

Piano di marketing, Vicenza nel futuro

Per la città di Vicenza è tempo di guardare avanti e programmare il futuro attraverso il nuovo Piano di marketing urbano. A 22 anni dal primo studio - nel giugno 1997 venne intitolato "Come valorizzare il centro storico di Vicenza" - la locale Confcommercio realizzerà, in collaborazione con il Comune, un nuovo documento che farà da guida alle azioni di sviluppo e valorizzazione del capoluogo berico. Tale studio venne aggiornato nell'ottobre 2003 a fronte delle nuove esigenze dei consumatori e dei cambiamenti nel frattempo avvenuti in città, ma poi non più rinnovato. Da qui l’esigenza di un nuovo piano, con la novità che si andrà ad analizzare non solo il centro storico di Vicenza (com'era avvenuto per le precedenti edizioni), ma l’intera città e con l’intento di mettere a punto uno strumento di indirizzo utile, soprattutto alla parte pubblica, per progettare i futuri interventi di rilancio e di promozione. Inoltre, poiché una reale valorizzazione della città deve poter contare sul coinvolgimento del maggior numero di attori, il nuovo Pmu avrà la funzione di collante per un impegno sinergico realmente costruttivo. Il portale www.ladomenicadivicenza.it ha voluto approfondire il tema, anche sentendo il parere del presidente dell'Ascom berica e degli amministratori comunali.


Strumento in grado di fare da guida alle azioni necessarie per valorizzare e sviluppare la città, sia da un punto di vista commerciale che turistico

Lo studio, come si diceva, sarà eseguito da Confcommercio Vicenza, con l’apporto scientifico e metodologico di professionalità esterne di provata esperienza. In concreto, secondo quanto emerge dall'associazione di via Faccio, si partirà da una "fotografia" della presenza delle varie attività sul territorio comunale, quindi si analizzerà l’evoluzione delle stesse negli anni, raffrontando i cambiamenti registrati con i dati del PMU del 2003. Si procederà poi con la verifica dell’efficacia degli interventi operati e delle carenze conseguenti alle mancate scelte d’intervento, per giungere, infine, ad elaborare nuove linee d’azione e di valorizzazione della città nel suo complesso. 

Piano di marketing, Vicenza nel futuro (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)«Dall’ultima revisione dello studio - spiega il dossier della Confcommercio berica - molto è cambiato in città: la riapertura della Basilica e le grandi mostre pittoriche che si sono potute ospitare al suo interno hanno fatto da spartiacque, innescando una rinnovata vocazione turistica del territorio. La vision è quindi cambiata e spinge sulla necessità non solo di consolidare i risultati raggiunti, ma sulla valorizzazione di tutto il contesto urbano e sulla creazione di percorsi turistici più definiti, strutturati e pubblicizzati. Non da ultimo, il progetto Tav, che dovrà interessare la città, porterà a nuovi scenari che necessitano di essere governati e accompagnati da una precisa programmazione degli interventi, come ad esempio il collegamento tra la zona Fiera con la nuova fermata della Stazione Ferroviaria e il centro storico. Il trasporto pubblico, la viabilità urbana e il sistema di sosta sono altri temi che dovranno essere centrali nello studio, delineando una generale visione della città. Ciò permetterà di evitare che logiche avulse ad una coerente visione d’insieme siano la concausa delle sofferenze della rete commerciale di piccoli negozi di prossimità».

Per l'Ascom berica il nuovo Piano di marketing urbano «assume un valore di primaria importanza, in quanto premessa per mettere a fuoco, sempre sul fronte della stretta collaborazione con l’amministrazione della città, sia delle linee di indirizzo che dovranno caratterizzare nel prossimo futuro l’azione comune, sia del ventaglio di iniziative che faranno da corredo operativo, sotto l’aspetto dell’attrattività commerciale e turistica. Sulla base di tale studio, si potrà dare vita ad un nuovo patto tra pubblico (l’amministrazione comunale e altri enti) e privati (l’associazione stessa con gli operatori del commercio, del turismo e dei servizi) per fare squadra, al fine di avviare progetti e programmi condivisi come, ad esempio, di valorizzazione delle aree commerciali, di miglioramento della sosta e della viabilità urbana, di lancio di manifestazioni finalizzate allo sviluppo turistico, di promozione della città attraverso un’articolata campagna di pubblicizzazione».

«Da sempre Confcommercio Vicenza - evidenzia infine il dossier - sposa l’idea secondo la quale è in un quadro di strategie di sviluppo ben definite che anche i singoli operatori possono sentirsi partecipi in prima linea del futuro della città. Al bando, quindi, la logica degli interventi slegati e a sé stanti, ma un insieme organico di idee e di attività con cui finalmente chiudere il cerchio per un’efficace valorizzazione del centro storico e della città in genere, con un occhio di riguardo alle sue grandissime potenzialità turistiche».


Il presidente dell'Ascom e gli amministratori berici sulla stessa linea: «Con il nuovo piano verrà disegnata la città dei prossimi decenni, anche con la Tav»

Piano di marketing, Vicenza nel futuro (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Sergio Rebecca, presidente di Confcommercio Vicenza: «Dopo tanti anni ripartiamo con un piano di marketing urbano con cui andremo a vedere i punti di debolezza, ma anche quelli di forza della città. Certamente questi ultimi sono aumentati nel tempo, c’è ad esempio oggi una più forte vocazione turistica, ma non possiamo ignorare i possibili sconvolgimenti, anche positivi, che potrebbero intervenire in futuro, come il possibile impatto sulla viabilità della Tav. Il nuovo Piano di marketing sarà un’analisi scientifica effettuata da un team di esperti che lavorerà in stretta collaborazione dell’amministrazione comunale. Si prospetta dunque un lavoro molto intenso, che la nostra associazione finanzierà in toto e da cui ci aspettiamo scaturiscano input positivi per il futuro».

Piano di marketing, Vicenza nel futuro (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Francesco Rucco, sindaco di Vicenza: «Dopo oltre 20 anni dal primo piano, Confcommercio e l'amministrazione si sono ritrovati attorno ad un tavolo per discutere su questi temi. Il Piano di marketing urbano permetterà di lavorare sia sul centro storico che sulla periferia. Da questo prezioso lavoro di collaborazione ci si aspetta che esca il disegno di una città nuova dal punto di vista del commercio, ma anche un ulteriore impulso alla sua vocazione turistica. Il nostro territorio sarà, lo speriamo, interessato da interventi infrastrutturali importanti come l'Alta Velocità e ne dovremo tener conto anche per lo sviluppo territoriale delle opere contermini da un punto di vista viabilistico: sarà necessario tenere presente la rivoluzione dei trasporti. Da parte nostra non facciamo distinzioni tra centro e periferie: anche nelle zone più esterne ci sono piccoli esercizi commerciali che rappresentano la vitalità di un quartiere, che non è più un dormitorio, ma un'area con una propria vita».

Silvio Giovine, assessore comunale con deleghe al commercio e attività produttive, turismo e valorizzazione del centro storico: «C'è la necessità di una città da ripensare partendo dalle esigenze dei cittadini, dei consumatori e dei turisti. Saremo chiamati a governare nuovi scenari che necessitano di una programmazione precisa: pensiamo all’impatto che avrà ad esempio, la Tav, pensiamo al collegamento con la stazione ferroviaria, all’accessibilità e alla sostenibilità del nostro centro storico, su cui dobbiamo intervenire anche con misure di decoro urbano. Abbiamo in cantiere un protocollo d'intesa sul turismo e sul commercio che comprende temi quali l'accessibilità e la sostenibilità, andremo ad incidere sui percorsi pedonali: non c'è solo quello palladiano, ma anche quello romano e quello "underground". Ci sono diverse iniziative che abbiamo in mente e siamo certi che i risultati di questo piano ci forniranno un grande aiuto».

 

nr. 13 anno XXIV del 6 aprile 2019



Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar