NR. 19 anno XXIII DEL 19 MAGGIO 2018
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Olimpiadi invernali, un terzetto da sogno

Al via i Giochi in Corea del Sud con tre vicentini in gara: i pattinatori Ghiotto e Tumolero puntano al podio nella velocità

di L.P.

facebookStampa la pagina invia la pagina

Olimpiadi invernali, un terzetto da sogno

I VICENTINI PRESENTI NEGLI ULTIMI QUATTRO GIOCHI “BIANCHI”

   TORINO 2006: 7 
  Enrico Fabris    pattinaggio velocità 
  Daniele Munari    combinata nordica 
  Jason Cirone    hockey su ghiaccio 
  John Parco    hockey su ghiaccio 
  Giulio Scandella    hockey su ghiaccio 
  Lucio Topatigh    hockey su ghiaccio 
  Carter Trevisani    hockey su ghiaccio 
   VANCOUVER 2010: 2 
  Enrico Fabris    pattinaggio velocità 
  Luca Stefani     pattinaggio velocità 
   SOCHI 2014: 2 
  Tommaso Leoni    snowboard boardercross 
  Stefania Berton    pattinaggio artistico 
   PYEONGCHANG 2018: 3 
  Davide Ghiotto    pattinaggio velocità 
  Nicola Tumolero    pattinaggio velocità 
  Sergio Rigoni     sci di fondo 

È scattata in queste ore a PyeongChang, in Corea del Sud, la 24esima edizione delle Olimpiadi invernali che tornano in Oriente a distanza di 46 anni dall'edizione 1972 di Sapporo (Giappone): per il Paese coreano si tratta di una prima volta storica per i cosiddetti Giochi "bianchi", mentre nella capitale del Paese, Seul, vennero ospitati i Giochi estivi 1988, quelli che regalarono allo sport vicentino in assoluto il più grande successo della storia dello sport vicentino, il trionfo di Gelindo Bordin nella maratona. Alle Olimpiadi 2018 saranno 102 titoli in palio (verranno dunque assegnate complessivamente 306 medaglie) distribuiti in 15 discipline, con l'Italia presente in tutte, con la sola esclusione dell'hockey su ghiaccio. Dei 121 atleti azzurri iscritti tre sono vicentini: i pattinatori su ghiaccio Davide Ghiotto e Nicola Tumolero e il fondista Sergio Rigoni, con i primi due autorizzati a sognare. Il portale www.ladomenicadivicenza.it ha voluto approfondire il tema, analizzando soprattutto cosa attende i tre atleti veneti e il modo di seguirli nelle loro gare olimpiche. Qui a destra invece il riepilogo delle presenze vicentine dall’edizione di Torino 2006 in poi.


I "gemelli" del ghiaccio e il poliziotto del fondo: tutti esordienti ai Giochi i tre vicentini in gara. Altri due a casa per infortuni

Olimpiadi invernali, un terzetto da sogno (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Sono dunque due pattinatori di velocità su ghiaccio emergenti e un fondista di buona esperienza coloro che compongono il terzetto vicentino in gara ai Giochi invernali 2018. E se non ci avesse messo lo zampino la sfortuna il nostro contingente avrebbe potuto essere un quintetto. Tra coloro in lizza Non c'è dubbio che il più atteso è Nicola Tumolero, nato il 24 settembre 1994 ad Asiago, residente a Roana. Cresciuto nella Sportivi Ghiaccio Roana appartiene al Gruppo Sportivo Fiamme Oro di Moena. È uno dei componenti della squadra italiana di inseguimento nella quale, assieme ad Andrea Giovannini e Riccardo Bugari, ha stabilito quest'anno il record italiano in 3'36"54 e dove la nazionale azzurra punta ad una medaglia. Quest'anno ha migliorato i suoi record personali sui 500, 1000, 1500, 3000 (suo il record italiano in 3'39"38) e 5000 metri, dove si è laureato campione d'Europa a gennaio.

L'unico non altopianese del terzetto è Davide Ghiotto, nato il 3 dicembre 1993 a Vicenza e residente ad Altavilla Vicentina, studente di filosofia all’Università di Trento. Proviene dal pattinaggio a rotelle (come altri campioni del passato e del presente) e non fa parte di nessun corpo militare, visto che la sua società di appartenenza è il club veneziano Noale Ice.  Detiene il record italiano sulla distanza dei 10 mila metri con 12'53"63, stabilito ad inizio stagione, che al momento in cui è stato ottenuto rappresentava la terza miglior prestazione stagionale al mondo. In questa annata ha migliorato anche i suoi primati personali sui 1500, 3 mila e 5 mila metri.

Olimpiadi invernali, un terzetto da sogno (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Il fondista Sergio Rigoni è nato il 27 aprile 1986 ad Asiago, dove risiede. Cresciuto nella società dello Sci Asiago, difende i colori del Gruppo Sportivo Fiamme Oro. In carriera ha preso parte all'edizione 2006 dei Mondiali juniores di sci nordico, disputati a Kranj (Slovenia), ottenendo come miglior risultato il 31° posto nella gara ad inseguimento. Lo scorso anno, nel mese di febbraio, ha vestito i colori azzurri ai mondiali di sci nordico a Lahti (Finlandia), dove si è classificato 46° nella 50 km e 45° nell'inseguimento. Esordiente ai Giochi Olimpici.

Come anticipato ad inizio della stagione invernale c'erano altri due vicentini che sembravano avere le maggiori chance di salire sull'aereo per la Corea del Sud: stiamo parlando di Tommaso Leoni, 26enne di Breganze, azzurro della nazionale A di snowboard, specialità boardercross, già in gara alle Olimpiadi di Sochi 2014 e la pattinatrice su ghiaccio, Roberta Rodeghiero, 27 anni, nata e cresciuta ad Asiago anche se poi trasferitasi a Milano per potersi allenare da professionista, che a settembre, ad inizio della stagione invernale, erano stati inseriti nei rispettivi gruppi di lavoro organizzati rispettivamente dalla Fisi (Federazione italiana sport invernali) e dalla Federghiaccio in vista dei Giochi 2018. Leoni ha partecipato a tutte le gare della Coppa del Mondo mentre la Rodeghiero, considerata l'erede di Carolina Kostner, ha partecipato a gare internazionali. Per entrambi i sogni si sono infranti a dicembre: lo "Zingaro", come è stato soprannominato il breganzese, è stato messo fuori gioco da una brutta caduta in gara nel quale ha riportato la rottura del menisco e del crociato del ginocchio, un infortunio troppo grave per riuscire a recuperare in un paio di mesi. Altrettanto dolorosa la rinuncia della pattinatrice che ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di problemi fisici, emersi dopo accertamenti clinici, che l'hanno debilitata dal punto di vista fisico.


Come seguire i vicentini in tv: domenica mattina tutti e tre in gara. Apre Rigoni, chiude la mass start con Ghiotto e Tumolero

DOMENICA 11 FEBBRAIO

  ore 7.15    SCI DI FONDO    Skiathlon maschile    Rigoni 
  ore 8    PATTINAGGIO VELOCITÀ   5.000 metri     Ghiotto e Tumolero 

MARTEDI' 13 FEBBRAIO

  ore 9    SCI DI FONDO    Sprint tecnica classica Rigoni    (da confermare) 
  ore 12    PATTINAGGIO VELOCITÀ   1.500 metri     Tumolero 
GIOVEDI' 15 FEBBRAIO 
  ore 12    PATTINAGGIO VELOCITÀ    10.000 metri    Ghiotto (Tumolero da confermare) 
DOMENICA 18 FEBBRAIO 
  ore 12   PATTINAGGIO VELOCITÀ    Team Pursuit (staffetta) Italia    Tumolero 
     eventuale finale MERCOLEDI' 21 FEBBRAIO ore 14.17 
SABATO 24 FEBBRAIO 
  ore 6    SCI DI FONDO    50 km tecnica classica    Rigoni  
  ore 12    PATTINAGGIO VELOCITÀ   Mass start    Ghiotto e Tumolero 
N.B.: l'orario indicato è quello in Italia (8 ore in meno rispetto alla Corea del Sud) riferito ad inizio gara 

A PyeongChang non è stato ancora deciso con certezza a quali gare prenderanno parte i due pattinatori, mentre per quanto riguarda il fondista Sergio Rigoni sarà in gara sicuramente nella prova di skiathlon maschile (15 km in tecnica libera e 15 km in tecnica classica, con cambio degli sci a metà gara) e quasi sicuramente nella 50 km in calendario il penultimo giorno di gare: in base al risultato della prima gara e soprattutto a come avrà recuperato potrebbe essere schierato anche nella sprint, che in questa edizione dei Giochi si disputa in tecnica classica, quella preferita dall'altopianese. Per quanto riguarda i pattinatori su ghiaccio Tumolero correrà sicuramente i 1500 e i 5000 (dove è campione europeo in carica), oltre che nella staffetta inseguimento e nella mass start che chiuderà il programma della velocità su pista, ma non è esclusa una sua partecipazione anche sui 10 mila metri, al momento poco probabile. Da parte sua Ghiotto sarà al via sicuramente nei 5000 e nei 10 mila metri, distanza quest'ultima dove detiene il record italiano e nella mass start. Tuttavia non sono escluse sorprese visto che ogni nazionale potrà annunciare cambiamenti nella formazione in base alla condizioni di forma e a scelte tecniche.

Qui a lato ecco il calendario con l'agenda olimpica dei vicentini, con Rigoni che i tre vicentini tutti in gara domenica 11 febbraio. Il primo sarà il fondista Rigoni la cui gara scatterà alle 7.15 italiane, ma tre quarti d'ora dopo scenderanno sul ghiaccio anche Ghiotto e Tumolero sui 5 mila metri.



nr. 05 anno XXIII del 10 febbraio 2018

Guarda l'ultimo TG
Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar