NR. 37 anno XXIII DEL 20 OTTOBRE 2018
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Turismo: estate contrastata, Asiago sorride

Il meteo ha condizionato la montagna nella prima parte della stagione, ma il capoluogo altopianese "vince" con la stagionalità

di L.P.

facebookStampa la pagina invia la pagina

Turismo: estate contrastata, Asiago sorride

A stilare un primo bilancio parziale del turismo nell'estate appena conclusa - i dati ufficiali di arrivi e presenze nelle strutture alberghiere ed extralberghiere, ovviamente non ancora disponibili - ci ha pensato la Confcommercio Vicenza, che ha "tastato il polso" degli operatori del settore della provincia berica. Saranno i numeri a decretare ufficialmente com’è andata la stagione nel Vicentino ma la tendenza appare già delineata: a giugno e luglio il meteo ha condizionato la montagna che solo in parte ha recuperato bene ad agosto e anche nelle prime settimane di settembre, caratterizzate da temperature estive anche in quota. Per il resto stabile il turismo a Vicenza, mentre è cresciuto leggermente a Bassano e Marostica, peggio di tutti le terme di Recoaro, ancore lontane dai fasti degli Anni Sessanta. Il portale www.ladomenicadivicenza.it ha voluto approfondire il tema, rendendo noto le prime indicazioni dell'Ascom ma parlando anche con gli addetti ai lavori.

 

Sergio Rebecca, presidente Confcommercio Vicenza: «Serve una sinergia tra pubblico e privato per sfruttare la grande potenzialità turistica del Vicentino»

Turismo: estate contrastata, Asiago sorride (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Nella fotografia scattata da una rilevazione compiuta nella prima metà di settembre dalla Confcommercio si evidenzia «che la ristorazione sorride, gli alberghi un po’ meno a confermare che, a parte le mete più consolidate, per trattenere il turista più di qualche notte c’è ancora molto da fare in termini di promozione ed eventi».

«Se guardiamo alla provincia nel suo complesso - l’analisi di Sergio Rebecca, presidente di Confcommercio Vicenza - i nostri imprenditori ci confermano che non abbiamo vissuto un’estate brillante. La montagna, che è la principale destinazione estiva, ha subito i condizionamenti del meteo avverso tra giugno e luglio. E infatti, generalmente i ristoranti vanno meglio degli alberghi, perché hanno il vantaggio di sfruttare anche gli arrivi giornalieri. Le città e i borghi, a cominciare dal capoluogo, confermano di essere ancora legate ad un turismo "mordi e fuggi", il pernottamento è di 1-2 notti, in linea con il 2017. Nel complesso, a Vicenza i tre mesi estivi sono stati stabili a livello di presenze alberghiere: c’è chi ha registrato una leggera flessione, ma anche chi ha colto l’opportunità di alcuni congressi in Fiera, tra giugno e luglio».

«Non c’è dubbio però – prosegue il presidente Rebecca - che tutti dobbiamo rimboccarci le maniche, creando una sinergia tra pubblico e privato per poter sfruttare la grande potenzialità turistica del nostro territorio. Abbiamo città splendide che devono però mettersi in rete per proporre un carnet di eventi attrattivi, di cui si è sentito la mancanza, che allunghino la permanenza. Una montagna che può incontrare tutti i gusti, dalla famiglia all’escursionista esperto, che deve però trovare modalità per attirare il turista anche quando il meteo non sorride: è il caso del comprensorio termale di Recoaro che potrebbe sfruttare la crescita del turismo wellness, se solo fosse messo in grado di programmare meglio il proprio futuro».

 

Roberto Rigoni Stern, sindaco di Asiago: «Estate soddisfacente ma il risultato migliore si registrerà con le statistiche di fine anno»

Turismo: estate contrastata, Asiago sorride (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Soddisfatto invece Roberto Rigoni Stern, sindaco di Asiago, capoluogo altopianese che rappresenta il punto di riferimento della montagna vicentina, sia in estate che in inverno. «Ci lasciamo alle spalle - le sue parole - un'estate complessivamente soddisfacente, in cui inevitabilmente hanno pesato le condizioni meteo. E se il mese giugno e la prima metà di luglio sono state caratterizzate da tempo instabile e temperature sotto le medie, nella seconda parte di luglio, per tutto agosto e nella prima quindicina di settembre le presenze hanno ampiamente superato quelle degli anni scorsi, rendendo probabilmente positivo il bilancio dell'estate, in attesa dei dati finali».

Ma è un altro il risultato che rende ottimisti gli operatori dell'Altopiano e in particolare il primo cittadino asiaghese. «I dati della stagione estiva - precisa Rigoni Stern - rappresentano solo tre mesi, quindi un quarto dell'intero anno. Sin dall'inizio una delle "mission" di questa amministrazione è stato il cosiddetto allargamento della stagione, con eventi importanti distribuito anche negli altri mesi: è il caso di "Made in Malga" e delle mostre d'arte a settembre, dei mercatini natalizi che iniziano nella prima decade di novembre, a Fiocchi di luce a febbraio ed altre iniziative tra maggio e giugno, a cui si aggiungono le escursioni guidate, a piedi in estate e con le “ciaspole” in inverno, che vengono organizzate tutto l'anno».

Tornando all'estate 2018 scommessa il sindaco parla di «scommessa vinta» l'evento "Asiago Live", che ha caratterizzato la settimana di Ferragosto, con quattro concerti ospitati nella piazza centrale del centro storico, capaci di spaziare dalla musica anni '90 alla musica lirica e dalle melodie di Elton John sino al concerto finale di uno dei più grandi cantautori italiani. «Il concerto live di Francesco De Gregori - conclude Rigoni Stern - ha registrato quasi 4 mila paganti: un evento che ha riportato il capoluogo altopianese ai fasti del Festivalbar, quando piazza Duomo ospitava i più grandi artisti del momento e che quest'anno ha visto il comparto commerciale e turistico molti soddisfatti per la manifestazione».

 

Le altre località montane vicentine: sorridono Tonezza con il turismo sportivo e il Pasubio con il ponte tibetano, in calo le terme a Recoaro

Turismo: estate contrastata, Asiago sorride (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Nell'analisi turistica di Confcommercio Vicenza riguardante la montagna, si evidenzia «che si è trattato di una stagione a luci ed ombre. Il meteo non ha aiutato nei mesi di giugno e luglio, con cali generalizzati delle presenze alberghiere (tra il 10 e il 20%) in tutte le aree montane, dall’Altopiano al Pasubio al comprensorio di Tonezza. Appena le temperature sono salite, ad agosto, le presenze hanno ripreso vigore, ma non per tutte le strutture sono state sufficienti a recuperare la stagione. A confermare che la montagna può "smarcarsi" dai condizionamenti del meteo è però l’esempio di Tonezza, che negli anni scorsi ha puntato sul turismo sportivo e che quest’anno è stata premiata da un +15 % di media per questo tipo di soggiorni, grazie ai ritiri di squadre di calcio, pallavolo, ma anche scherma e pattinaggio. Attrazioni come le 52 Gallerie e il “ponte tibetano” si confermano invece trainanti per il comprensorio del Pasubio. Per settembre le previsioni puntano alla stabilità, ma anche in questo caso conterà molto il meteo non certo generoso in questi giorni. Per la montagna vale, come per le città, un andamento migliore della ristorazione rispetto all’ospitalità».

Sull'analisi della Confcommercio il capitolo più critico ha riguardato il comprensorio termale di Recoaro. Nelle strutture alberghiere della zona, a parte qualche eccezione che segna una stabilità nel confronto con il 2017, è il segno meno a primeggiare, anche con perdite pesanti, da un -20 ad un -80%. A prevalere, visti i risultati ben migliori della ristorazione che in alcuni casi ha anche incrementato il fatturato, è il turismo giornaliero, mentre, secondo gli operatori, la poca promozione del territorio causata dall’incertezza che grava sul compendio termale ha certamente penalizzato l’arrivo di villeggianti. Tra le note positive, la riscoperta delle montagne attorno a Recoaro, con turisti che hanno affollato, con il bel tempo, rifugi e sentieri sulle Piccole Dolomiti, meta di escursionisti e appassionati di mountain bike.

 

nr. 34 anno XXIII del 29 settembre 2018

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar