NR. 31 anno XXVI DEL 1 AGOSTO 2021
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

“Colture distrutte, abbiamo perso tutto”

facebookStampa la pagina invia la pagina

“Colture distrutte, abbiamo perso tutto”

Intere coltivazioni spazzate dal vento e dalla grandine. I meloni, bucherellati, giacciono a terra come palle da bowling. È un bilancio pesantissimo quello dei danni provocati dal maltempo che si è abbattuto in una vasta area del vicentino e che ha messo in ginocchio numerose aziende agricole della provincia. 

«Sono circa 120 – spiega Martino Cerantola, Presidente di Coldiretti Vicenza - le aziende colpite dal maltempo, con danni che vanno dal 70 al 100%». È il caso ad esempio di un'azienda agricola di Monticello Conte Otto. Quasi tutti gli ortaggi, crivellati dalla grandine, sono da buttare. Solo qualche anguria si è salvata, ma gli agricoltori non se la sentono di venderle al banco, così le regalano o chiedono un'offerta libera. 

«La grandine scendeva ai 100km/h e noi ci sentivamo del tutto impotenti – racconta Claudio Barausse, agricoltore -. Il danno qui è totale, guardo il campo vedo la devastazione». 

Un danno superiore ai 50 mila euro. Il morale degli agricoltori è a terra. «Questi eventi atmosferici si fanno sempre più frequenti – continua Martino Cerantola -. I cambiamenti climatici devono far riflettere non solo gli operatori del mondo agricolo ma anche tutte le altre realtà economiche, perché se viene colpita un'azienda agricola le conseguenze ricadono anche sulle altre aziende e attività legate a questo settore».



nr. 31 anno XXVI del 1 agosto 2021

- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar