NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

I Blues del Quartiere, scritti da magnagatti

Nuovo libro di poesia firmato da Antonio Stefani, editore Meridiano Zero: una storia che si ripete ad alto tenore, ma questa volta con un ordine... inconsueto

facebookStampa la pagina invia la pagina

I Blues del Quartiere, scritti da magnagatti

(g. ar. ) - Rime corsare per un bucaniere della poesia. Con questa sorta di auto-epigrafe in quarta di copertina Antonio Stefani firma il suo nuovo libro che contiene almeno due elementi nuovissimi nella sua pur svariatissima gamma di prodotto. Si tratta di un libro vero, che supera le 170 pagine, contraddicendo perfino ruvidamente le misure "tocca e vai" più familiari e solite al nostro.
Marco VicentiniIl secondo elemento di forte novità è dovuto al genere della pubblicazione: non frutto del consueto lavoro volontario in proprio, ma operazione editoriale in piena regola. Tanto che il libro -edito da Meridiano Zero, casa padovana pensata e creata da un vicentino doc, Marco Vicentini, ex Pigafetta di altri anni- è già sugli scaffali, in vendita. Come si addice a una cosa seria. Qui finiscono le grandi novità perché, detto che la veste editoriale e l'elaborazione che ne è scaturita hanno generato uno schema ordinato di una produzione che non si era mai posta l'obiettivo dell'ordine in sé, quel che emerge da queste pagine è la straordinaria vena di Stefani. La solita, che non si stanca e che ad ogni chiamata di appello risponde con la freschezza e la genialità di sempre.
Antonio StefaniCritico, umorista, sicuramente poeta vero, Antonio Stefani ha seminato lungo il suo percorso mille chicche da ricordare: la traduzione in dialetto dei blues di Robert Johnson, la serie incredibilmente estesa di librettini sulle parole in libertà dei politici. E poi quella "cartolina da Venezia" che sta alla città serenissima esattamente come sta a Genova la "Genova Per Noi" di Paolo Conte. Uno straniero che parla di altro, di un orizzonte non suo, ma ne parla come nessuno ne ha mai parlato. E ora Stefani si produce in "I Blues Del Quartiere". È un'altra prova d'autore, di un linguaggio e di una sensibilità inconsueti ai lustrini volgari e deleteri del mondo che vediamo. Una cosa che, tanto per cambiare, ci piace moltissimo.

E si scomoda Massimo Bubola per spiegare i perché


Massimo BubolaLe storie della canzone d'autore tramandano una preferenza spiccata di tale De Andrè per tale Bubola. Altri anni, ma un collegamento che permane, specie se si pensa che proprio Massimo Bubola se ne va in giro a concertare i versi intramontabili di Fabrizio. Ecco, proprio Massimo Bubola, abile disegnatore di parole che sono ricami, oltre che di arrangiamenti musicali, si scomoda e si avventura in un ruolo che forse non gli è immediatamente congeniale, quello dell'introduttore di un libro. Si avventura perché di Stefani è amico e perché non da oggi, come leggerete qui di seguito, apprezza opere e toni.

Questo scritto di Bubola è peraltro la ciliegina sulla torta. Allergico alle accademie di qualsivoglia genere e latitudine, Massimo parla di Antonio come di un poeta alieno ai binari dell'immagine del poeta, come di uno che mette le mani dappertutto e ne tira fuori magia pura senza le riserve codarde di quelli che le mani hanno paura di sporcarsele. È una bellissima introduzione e la citiamo integralmente proprio perché una volta letta l'ultima parola non ci si scappa: non resta che aprire il libro e immergersi nelle sue poesie.

Ecco che cosa scrive Massimo Bubola: «Quando incontro qualche illustre poeta italiano (in genere i più giovani vanno per i sessanta), per una specie di tic e di scommessa personale il mio sguardo va subito alle scarpe e quasi sempre, mi spiace dirlo, rimango deluso. Sono sovente scarpe ovvie, senza personalità, elegantucce; spesso mocassini marroncini oppure, se in occasioni pubbliche, convenzionali scarpette nere con lacci. Non mi è mai successo di vedere ai loro piedi degli stivali. Stivali di cuoio o di gomma. Stivali da moto o messicani. Stivali lisci o ricamati. Stivali di coccodrillo verde o di pitone giallo. Con borchie cromate o punte d'acciaio o speroni d'argento.

Ho rivisto l'altro giorno, cercando nella mia libreria, nella parte di salice dedicata alla poesia, la foto di copertina di una raccolta di scritti del poeta canadese Leonard Cohen e mi sono fermato sul suo familiare sorriso appena accennato nella luce meridiana. Portava con disinvoltura un elegante completo blu da dandy italiano e soprattutto degli stivali da cow booy neri con le gambe incrociate, appoggiandosi con nonchalance al parapetto del fiume.

È come se i nostri poeti non avessero navigato oceani di poesia contemporanea, poesia elettrica, poesia psichedelica, poesia underground, poesia da strada londinese, poesia da strada irlandese, poesia tex mex. È come se nel loro spesso obsoleto e grigio sperimentalismo, poco eroico e poco erotico, tutta questa pioggia non li avesse nemmeno sfiorati né schizzati del suo splendido fango fluorescente. Le loro metafore, i loro ossimori, non conoscono il tempo del Blues, del Rock'n'Roll, delle Punk Ballads. Il ritmo sincopato del Rhytm&Blues e del Funky, gli organi Hammond con amplificatore Leslie del Soul e i testi retti, ruvidi e visionari di tutte le Pietre Rotolanti, delle risse alcoliche e delle sbronze acronime da mettere su carta magari sporca di senape, magari sporca di sangue, magari sporca di musica.

La poetica di Antonio Stefani invece ha sempre gli stivali. Lucidi di gustose metafore, squisiti ossimori e spassose allitterazioni, eppure sporchi di polvere, fango, pomeriggi lenti, alghe e catrame. I tacchi degli stivali consumati dal battere sul pavimento il tempo di musiche e visioni che gli sono familiari e al contempo magneticamente oscure. Le punte degli stessi lise nel suo vagare errabondo di concerto in concerto, di locale e teatro e stadio e piazza dei miracoli dove avviene la musica e con essa tanta poesia clandestina e unofficial.

Ogni volta che incontro Antonio Stefani, di cui tra l'altro non sono gemello per pochi giorni, me lo immagino sempre ragazzo. Compagno di banco gentile, allegro, leale e vivace. Mite e un po' teppista, come diciamo noi veneti 'na bronsa coerta, una brace coperta. La sua velocità mentale profuma sempre di un sottile humour surreale, lirico e popolaresco, dimostra che la capacità di osservazione e di prender la mira, di cogliere il paradosso e il particolare sia nelle persone sia nelle cose che sfuggono ai più, hanno lo stesso principio nel poeta e nell'umorista, dipende da come lo si vuole convogliare. Antonio sembra volare a zig zag tra i due versanti della sierra continuando a sfornare parole elettroacustiche che contengono al loro interno una ritmica, contrabbasso e una batteria. Il diletto e il pregio della poetica di Antonio sono questo suo caracollare tra la realtà vista da una lente puntata verso il cielo e un cannocchiale caleidoscopico rivolto verso la terra, ma sarebbe meglio aggiungere anche il manico di una chitarra Fender Telecaster con un pennino puntato sulle stelle viventi e cadenti, con un piccolo aereo sul quale, a cavalcioni, volare».

nr. 11 anno XV del 27 marzo 2010

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar