NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Divertiti giusto! La raccomandazione di Giovani Valori

La Provincia lancia la nuova campagna per i giovani. Pellizzari: “Abbiamo cercato un linguaggio comprensibile agli under”

di Pietro Omerini Zanella
pedro-zanna@hotmail.it

facebookStampa la pagina invia la pagina

Giovani Valori

Un urlo, la cassiera che alza lo sguardo, sbarrato, terrorizzato, verso la canna di una nove millimetri impugnata con rabbia da un ragazzo altrettanto spaventato. «Voglio un futuro, opportunità, meritocrazia». L'incomprensibile richiesta del rapinatore.

Questa, forse, la scena più suggestiva del cortometraggio "Fa la scelta Giusta" di Corrado Ceron, opera presentata oggi alla fase conclusiva del progetto "Giovani Valori" nella sede del Consiglio Provinciale.

Un inizio spettacolare per una mattinata dedicata ad illustrare tematiche, problemi, ma anche qualche soluzione del mondo giovanile. Un corto per sintetizzare i valori che, dovrebbero, stare alla base del progetto del lavoro del "Piano Provinciale Giovani".

Il progetto "Giovani Valori", promosso dall'unione delle provincie italiane e finanziato dal ministero della gioventù, si iscrive nelle attività del piano provinciali giovani cui aderiscono circa 100 comuni. Sostanzialmente, quella messa in moto dalla provincia, è una macchina comunicativa per promuovere le attività e le opportunità della provincia riservate agli under 30.

«Perché si possono fare anche cose molto positive, ma spesso mancano i canali per farle conoscere- osserva nel suo intervento introduttivo, l'assessore Andrea Pellizzari- Parlare con i giovani non è facile, serve capirne il linguaggio e usare i giusti mezzi».

In particolare, la Provincia sembra aver messo molta attenzione verso quelli che i teorici della comunicazione si ostinano a chiamare i nuovi media, non sapendo, o fingendo d'ignorare, che le nuove generazioni sono nate a pane e computer.

Primo esempio delle attività svolte all'interno del progetto è, infatti, l'apertura del portale (già attivo da qualche mese) www.provinciagiovane.net piattaforma dalla quale gli enti locali della provincia potranno lanciare le loro attività rivolte per l'appunto ai giovani. Il sito, potrebbe diventare un punto di ritrovo anche per associazioni studentesche come la consulta degli studenti e l'Informagiovani, invitati ad utilizzare gli strumenti video, ma la programmazione della web tv, in questo senso, sembra ancora in fase embrionale.

In secondo luogo, oltre alle magie del web, un'altra diramazione pratica di "Giovani Valori", nonché prima missione educativa- comunicativa, è la campagna pubblicitaria "Divertiti Giusto" contro l'abuso di sostanze alteranti.

La campagna, ideata dai 4 vincitori dell'apposito bando provinciale e tutti under 40, utilizzerà più mezzi di comunicazione. Emanuele Arena, classe 1981, Luka Ivanocinc, del 1983, Chiara Panozzo del 1977 e Sara Anni del 1971, hanno, infatti, ideato una serie d'immagini pubblicitarie che parlano il linguaggio degli sms, fatto di abbreviazioni molto utilizzate dai giovani, ma non solo.

Previsti, inoltre, enormi cartelloni affissi lungo le strade, con particolare riguardo a quelle zone particolarmente frequentate dai giovani. Ma anche flyer e bunner pubblicitari in alcuni siti web, oltre alla distribuzione di etilometri, gadget scelto per stimolare una maggior consapevolezza dei propri limiti nel binomio guida- alcool. Sebbene durante l'incontro, non sia stato detto il numero di etilometri disponibili, e nemmeno tutte le modalità di distribuzione, pare che siano già state ordinate migliaia di unità.

Tra i molti temi possibili in campo giovanile, quello della guerra allo sballo è stato selezionato per la preoccupante istantanea scattata dalla ricerca "indagine giovani sicurezza". Frutto della sinergia tra la provincia di Vicenza e quella di Verona, la ricerca, tra le altre cose, mette in luce un abuso dilagante e sempre più anticipato di sostanze stupefacenti e alcolici.

«È un problema urgente che va affrontato- ha spiegato l'assessore Pellizzari- le pagine dei giornali sono anche oggi piene delle foto di quelle che sono state definite le vittime di un martedì nero sulle nostre strade. Si tratta prima di tutto di un problema valoriale perché, come ci dice la ricerca, correre in macchina o ubriacarsi sono atteggiamenti sbagliati che però i giovani non condannano in modo netto».

Ogni anno l'Italia presenta un bilancio di oltre 5 mila vittime, 20 mila disabili gravi, 300 mila feriti a causa di incidenti stradali, per un fenomeno che coinvolge soprattutto i giovani tra i 15 e i 29 anni, per i quali gli incidenti stradali sono la prima causa di morte. Nel solo 2008 sono stati 1.327 i giovani vicentini sotto i 30 anni feriti in incidenti stradali, 27 dei quali hanno perso la vita. Nello stesso anno ammonta a 76 il numero di conducenti di veicoli rimasti coinvolti in incidenti stradali in seguito all'uso di alcol e sostanze stupefacenti e psicotrope, tutti appartenenti alla fascia d'età di riferimento.

«Preoccupano diversi dei dati emersi dalla ricerca commissionata dalla Provincia all'Istituto Poster, commenta l'assessore Pellizzari, primario obiettivo quindi è se non di convincere almeno di far riflettere i ragazzi sui rischi e sulle conseguenze all'uso di sostanze alteranti.  Nonostante la forte avversione all'uso, anche occasionale, della droga, dall'indagine emerge che l'abuso di alcol appare largamente tollerato, così come è valutato con comprensione il superamento dei limiti di velocità».

 

nr. 28 anno XV del 24 luglio 2010

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar