NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Nuovi spazi per l’alberghiero di Vicenza

L’alberghiero del Da Schio ha già bisogno di nuovi spazi, a breve pronti laboratori bar e cucina, poi si penserà ad un istituto tutto nuovo

di Luca Ancetti
ancettil@tvavicenza.it

facebookStampa la pagina invia la pagina

Nuovi spazi per l’alberghiero di Vicenza

È appena nato ma ha già problemi di taglia. Parliamo dell'indirizzo Enogastronomico attivato a settembre all'istituto Almerigo da Schio, che, in vista delle iscrizioni del prossimo anno scolastico, presenta problemi di spazio. L'occasione per parlare dell'alberghiero di Vicenza è stata data dall'incontro promosso dalla biblioteca la Vigna, che di fatto si propone con il suo patrimonio di libri come partner ideale della scuola, come sottolineato dal presidente Mario Bagnara.

«La Provincia è pronta ad investire da subito, ha precisato l'assessore all'edilizia scolastica Nereo Galvanin, a settembre del 2011 l'istituto Da Schio potrà contare su una nuova cucina e su una sala bar con annessa sala da pranzo».

«Siamo consapevoli che non sarà sufficiente investire solo sui laboratori, ma che servono anche aule per la didattica. Tra le soluzioni che stiamo prendendo in considerazione c'è - aggiunge l'assessore Morena Martini - quella di spostare il corso turistico oggi attivo al Da Schio, creando di fatto un polo unico turistico al Piovene, recuperando così spazi utili per consentire all'alberghiero di sopportare anche un prevedibile incremento di iscrizioni».

«Oggi - ricorda il preside del Da Schio Enrico Delle Femmine - ci sono 4 prime, lo scorso anno ad un certo punto abbiamo bloccato le iscrizioni, credo che non sarebbe corretto imporre una sorta di numero chiuso, le richieste dei ragazzi e le aspettative dei genitori non possono andare disattese. Io non credo che si tratti di una moda passeggera, penso che i corsi che l'Enogastronomico può attivare interpretino anche una futura realtà della nostra economia, che inevitabilmente dovrà essere declinata a favore delle imprese del settore alberghiero e del benessere, investendo sulla vocazione turistica che appartiene al nostro territorio. La scuola in questo caso può fare da capofila, ma deve trovare al proprio fianco le istituzioni e il sistema imprenditoriale. Per questo c'è bisogno di dare tempi certi allo sviluppo degli spazi dedicati, in questo momento, ricorda il preside, per le cucine ci appoggiamo al San Gaetano e continueremo a farlo anche nei prossimi anni, ma confido che la Provincia riesca a rispettare i tempi promessi, dandoci laboratori e nuove classi. Ovviamente il grande obiettivo è una scuola tutta nuova».

«Una ipotesi che è già nelle intenzioni della Provincia - precisa l'assessore Nereo Galvanin - abbiamo già previsto un milione e mezzo nel piano triennale delle opere e sarà inserito nel bilancio di previsione del 2011. Il nuovo edificio sorgerà a fianco dell'attuale complesso del Da Schio, inutile scommettere sui tempi, conta il fatto che la Provincia ha la chiara volontà di dare concretezza a questo progetto. Intanto per il prossimo settembre saranno pronti bar e sala ristorazione, ma anche un laboratorio- cucina attrezzata di tutto punto, il tutto in forza di un investimento, già disponibile, che sfiora i 400mila euro, questo significa credere nelle potenzialità di questo indirizzo scolastico».

 

nr. 39 anno XV del 30 ottobre 2010

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar