NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Comincia al Teatro Comunale la stagione sinfonica dell’“Olimpico”

Sei concerti in programma per il complesso musicale che, superando i vent’anni di attività, presenta un calendario di grande livello in collaborazione con il Quartetto

di Mario Bagnara
mario.bagnara@fastwebnet.it

facebookStampa la pagina invia la pagina

Comincia al Teatro Comunale la stagione sinfonica

Dopo il festoso traguardo dei vent'anni di attività, inizia alla grande oggi, 20 novembre, al Teatro Comunale la Stagione Sinfonica dell'Orchestra del Teatro Olimpico che lo scorso mese di settembre ha trionfato insieme con José Carreras nella Piazza degli Scacchi di Marostica, incontrandolo nuovamente dopo diciannove anni dal memorabile concerto tenutosi in Piazza dei Signori a Vicenza il 3 settembre 1991 per il 125° anniversario della Banca Popolare di Vicenza.

 

L'orchestra della città, ambasciatrice della vicentinità

Sullo slancio degli entusiasmanti eventi celebrativi del ventennale così presenta il cartellone dei sei concerti in programma la Presidente Livia Coppola: «Da vent'anni, il suono della nostra Orchestra del Teatro Olimpico racconta un po' di Vicenza. E come in tutti i racconti, ci sono delle parti più belle e delle parti più oscure, dei personaggi brillanti, degli interpreti minori e dei protagonisti di prima grandezza. Ma penso sia proprio questo, il senso di una narrazione attraverso e grazie alla musica, il messaggio forte che l'Orchestra invia alla sua Città. La musica è infatti rappresentazione della vita, dei sentimenti, delle passioni di uomini e donne della nostra comunità. Ed è così che l'Orchestra del Teatro Olimpico vorrei che continuasse ad emozionarci: per la qualità e il valore dei suoi concerti, per le sue esibizioni che ci auguriamo più numerose anche all'estero, per il susseguirsi di magiche atmosfere che coinvolgono, coralmente, spettatori e musicisti... E voglio dire che è la nostra Orchestra, perché esprime e rappresenta noi cittadini di Vicenza attraverso la musica sinfonica, e perché si fa ambasciatrice nel nostro territorio qui e al di fuori, parla del nostro "essere vicentini", orgogliosi delle nostre radici culturali, ma desiderosi e orientati a guardare ad un futuro di nuovi progetti e orizzonti. È dunque la nostra Orchestra, che guarda all'oggi, ma soprattutto al domani, con serena consapevolezza di una storia intessuta di tante diverse, e tutte importanti, storie di persone».

A dare il "la" qualitativo della nuova stagione è l'importante concerto di questa sera che, per il Concerto per pianoforte e orchestra n.1 di Beethoven (in programma nella seconda parte anche la Sinfonia n. 3 di Johannes Brahms), ha come eccezionale interprete il pianista Ramin Bahrami il quale, nato a Teheran, ma, in seguito alla rivoluzione politica iraniana del 1979, ha studiato al Conservatorio "G. Verdi" di Milano e si è perfezionato non solo alla prestigiosa Accademia Pianistica di Imola, ma anche alla scuola di altri grandi maestri tra cui anche András Schiff. Sul podio per questa inaugurazione della nuova Stagione Musicale Giancarlo De Lorenzo che, alla guida dell'OTO da oltre otto anni, dirigerà, oltre al tradizionale Concerto di San Silvestro con musiche di Grieg e del classico repertorio viennese, anche l'appuntamento conclusivo della stagione, il 7 marzo 2011, in cui saranno proposte l'Ouverture del Coriolano e la Sinfonia n. 1 di Beethoven con la Sinfonia n. 3 di Schubert.

 

Direttori e orchestre ospiti

Fra i direttori ospiti dell'OTO, un'intelligente strategia che il direttore artistico De Lorenzo ha sempre coltivato per offrire alla compagine vicentina la possibilità di arricchirsi attraverso varie esperienze direttoriali, da segnalare la presenza di Sergio Pellegrini, direttore stabile dell'Orchestra del Teatro Regio di Parma, per il Concerto di Natale (in programma musiche di Bach, Händel, Rimsky-Korsakov, Parry, Rutter e Bernstein): a collaborare con l'Orchestra del Teatro Olimpico tornerà il Coro Pueri Cantores, diretto da Roberto Fioretto, che recentemente, proprio la sera precedente la devastante alluvione, ha festeggiato il 25° con un concerto al Teatro Olimpico.

L'unica orchestra ospite di questo cartellone che, secondo la progettualità delineata da De Lorenzo per gli ultimi anni, spazia dal classicismo al romanticismo, per giungere fino alle sperimentazioni del novecento, sarà quella de "I Pomeriggi Musicali" di Milano; in un programma che il 28 gennaio 2011 accosterà affascinanti musiche di Jean Sibelius (Valzer Triste e Valzer Romantique e Pelléas et Mélisande) alla Sinfonia n. 6 di Dvořák; la guiderà il francese Daniel Kawka di origini polacche, attualmente uno dei più richiesti direttori d'orchestra.

 

L'Oto con la società del quartetto e il consorzio dei conservatori del Veneto

Novità assoluta di questa Stagione, in adesione anche alla politica di attività musicale coordinata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza che, in periodo di scarse disponibilità finanziarie, suggerisce il più possibile la sinergia tra le varie associazioni, è la collaborazione dell'Orchestra del Teatro Olimpico con la Società del Quartetto, già impegnata per la Stagione Cameristica del Teatro Comunale, e il Consorzio dei Conservatori del Veneto, gestito da quello vicentino. Direttore e solista del concerto del 7 febbraio 2011 sarà il grande pianista, da molti anni presente a Vicenza con le sue acclamate performance, Alexander Lonquich.

Una stagione quindi non particolarmente ricca per il numero degli appuntamenti previsti, ma certamente apprezzabile dal punto di vista qualitativo.

 

nr. 43 anno XV del 20 novembre 2010

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar