NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Inquinamento atmosferico, Variati «diamoci una mano»

Adottati alcuni provvedimenti: riduzione dell’orario di funzionamento del riscaldamento, lavaggio delle strade, confermato il blocco totale del traffico per il 20 marzo

facebookStampa la pagina invia la pagina

Inquinamento atmosferico, Variati «diamoci una man

Nel corso del 2011 per due giorni su tre le polveri sottili hanno superato il limite dei 50 microgrammi e così, stante il perdurare delle condizioni atmosferiche che favoriscono l'alta concentrazione di Pm10, il sindaco ha deciso di assumere qualche provvedimento che fa appello ad un diverso comportamento dei cittadini, consapevoli che per vincere questa difficile battaglia sarebbero necessari interventi strutturali sul versante della mobilità, ma anche delle emissioni, sia quelle delle abitazioni che  quelle provenienti dai siti produttivi. L'iniziativa del sindaco parte dalla consapevolezza che ogni cittadino può fare qualcosa, ecco quindi una operazione che per la verità potrà incidere non solo sul conseguimento di una nuova e più sensibile cultura di salvaguardia dell'ambiente. Achille Variati ha firmato un'ordinanza urgente che prevede la riduzione dell'orario di funzionamento del riscaldamento da 14 a 12 ore giornaliere dal 10 al 18 febbraio.

I dati parlano chiaro: dal 31 gennaio al 9 febbraio si è superato il limite di concentrazione dei pm10 calcolato in 50 microgrammi per metro cubo d'aria. In particolare il 6 febbraio il livello è stato di 112, il 7 febbraio di 134 per raggiungere il picco di 169 l'8 febbraio con una discesa a 107 il 9 febbraio per motivi di ventilazione.

«La situazione dell'aria a Vicenza è pessima - rivela con preoccupazione il sindaco -. Si viaggia al doppio del limite che il sistema sanitario prevede come accettabile per la respirazione umana. Sono tre le cause di produzioni delle polveri sottili: la circolazione con motori a scoppio, il riscaldamento e le attività produttive, industriali in particolare. Fino ad ora abbiamo agito con i divieti conosciuti. La situazione però mi induce alla firma di un'ordinanza che riguarda tutti i cittadini e che prevede la riduzione di due ore dell'orario di funzionamento degli impianti termici. Quindi dalle 14 ore al giorno di funzionamento del riscaldamento si passa a 12 ore al giorno, anche frazionate. E fortunatamente il clima ci aiuta in questo».

Dall'applicazione dell'ordinanza sono esclusi gli ospedali, le case di cura o di riabilitazione, le case di riposo, gli ambulatori medici, le scuole dell'infanzia e le scuole primarie di primo e secondo grado, oltre che le abitazioni con ammalati.

Durante i controlli i trasgressori verranno sanzionati penalmente e il giudice potrà decidere di applicare una multa minima di 400 euro.

«Ho inviato una lettera al presidente della Provincia in qualità di ente preposto al rilascio di autorizzazioni per le emissioni in atmosfera delle attività produttive - continua il sindaco - chiedendo di istituire un tavolo di emergenza affinché azioni e provvedimenti possano contenere le emissioni, anche proponendo strumenti incentivanti. Inoltre AIM Valore ambiente aumenterà il lavaggio delle strade per il quale si chiede collaborazione ai cittadini che verranno avvisati con appositi cartelli: sarà necessario infatti arrivare il più possibile a ridosso dei marciapiedi e quindi librare la strada dalle auto».

«Il mio è un appello ai cittadini: è importante che ciascuno di noi adotti comportamenti virtuosi per raggiungere così considerevoli risultati. Queste modalità sono riassunte in un decalogo compreso nel volantino appositamente predisposto in occasione dell'avvio del blocco del traffico. Tra i comportamenti da adottare: spegnere l'auto in caso di fermate prolungate ai semafori, evitare brusche frenate, controllare l'impianto di riscaldamento».

«L'ordinanza scade il 18 febbraio perché la regione proprio il 18 ha convocato il comitato di indirizzo e sorveglianza sugli elevati livelli di inquinamento che potrebbe adottare provvedimenti a livello regionale - chiarisce l'assessore all'ambiente Antonio Marco Dalla Pozza -. Se cosi non fosse prorogheremo l'ordinanza. Avevamo già adottato dei provvedimenti tra cui il blocco del traffico durante la settimana ed ora il provvedimento che riguarda gli impianti termici relativamente ai quali avevamo già consigliato di mantenere la temperatura non oltre i 19°».

Anche quest'anno il blocco del traffico coinciderà con la Stravicenza. «Confermiamo anche il blocco totale del traffico per domenica 20 marzo - annuncia l'assessore Dalla Pozza -, in concomitanza con la Stravicenza, grazie ad AIM mobilità e trasporti: uno sforzo economico per noi molto importante. Inoltre in queste ore abbiamo i pannelli a messaggio variabile sono stati programmati per informare la popolazione sullo stato dell'aria con l'invito a limitare l'uso dell'auto».

«L'ordinanza verrà inviata anche ai Comuni dell'interland in un ottica di collaborazione con i miei colleghi - conclude il sindaco -. In ogni caso ci aspettiamo che autorità superiori intervengano e confido inoltre nel senso di comunità dei cittadini».

 

nr. 05 anno XVI del 12 febbraio 2011

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar