NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Mentre si celebra il centenario della sua morte, la casa di Fogazzaro sta andando in rovina

La dimora natale dello scrittore, nel corso che da lui ha preso il nome, ha bisogno di restauro, anche perché è l’unico palazzo nella via centrale di Vicenza in questa situazione di degrado

di Mario Bagnara
mario.bagnara@fastwebnet.it

facebookStampa la pagina invia la pagina

Casa natale di Antonio Fogazzaro: una “vergogna” n

Parafrasando la dichiarazione di Giovenale, «Si natura negat, facit indignatio versus», costretto dallo sdegno a comporre le Satire, per sferzare la grave corruzione sociale, morale e politica della Roma del suo tempo (fine del primo secolo/inizio del secondo d. C.), anch'io, dopo aver fiduciosamente, ma inutilmente, atteso qualche intervento, avverto, quasi sdegnato, il bisogno di stigmatizzare, in una Vicenza impegnata, quasi a gara, in iniziative certamente lodevoli di celebrazione del primo centenario della morte di Antonio Fogazzaro, il suo scrittore più importante, sempre più apprezzato anche dalla critica nazionale ed europea, un aspetto "vergognoso" che riguarda la sua casa natale, situata nel corso che porta il suo nome.

 

Targa commemorativa su una facciata gravemente degradata

Purtroppo il centenario, il 7 marzo scorso, celebrato con ampio risalto in una cerimonia in Sala degli Stucchi in cui il prof. Fabio Finotti ha ben illustrato e documentato la modernità nel panorama europeo dell'illustre nostro concittadino proprio in quello che egli, ricordando la sensibilità religiosa del festeggiato, ha preferito definire il dies natalis, non ha prodotto novità sullo stato di degrado in cui si trova la facciata della sua casa natale sulla quale una targa commemorativa, pure bisognosa di qualche intervento, attesta: «In questa casa / il XXV marzo MDCCCXLII / nacque / ANTONIO FOGAZZARO / romanziere poeta / il Comune nel centenario». Parole molto scarne, prive di alcun cenno di orgogliosa esaltazione, comunque espressione di una gratitudine che nemmeno le preoccupazioni di una guerra mondiale in atto (la prima delle 53 rovinose incursioni aeree, dopo una prima avvisaglia a Monte di Malo della notte tra il 5 e il 6 novembre del 1940, sarebbe avvenuta il giorno di Natale del 1943) avevano fatto dimenticare.

 

L'intitolazione della via al Fogazzaro il giorno successivo alla morte

Più attenta e tempestiva Vicenza era stata il giorno successivo alla morte, l'8 marzo 1911, quando in Consiglio Comunale, come annota Giambattista Giarolli in "Vicenza nella sua toponomastica stradale", seconda edizione, 1987, deliberava di «intitolare Corso Fogazzaro il tratto di via da piazza San Lorenzo alla contrada dei Carmini, murando una lapide nella sua casa in detta contrada». Non fu però immune da critiche l'estensione, poco giustificata, della nuova via con conseguente incorporazione delle vecchie Contrà Pozzo Rosso, San Lorenzo, Beccariette, Carmini e Piazza dei Carmini. Il tentativo di ripristinare la vecchia toponomastica fino all'incrocio con Contrà Pedemuro San Biagio e Motton San Lorenzo, venne meno con la non approvazione in Consiglio Comunale il 13 luglio 1914.
Ebbene in una via che in questi ultimi anni ha avuto, quasi a gara, vari interventi, d'iniziativa sia pubblica che privata, di restauro architettonico e di pavimentazione stradale, la casa Fogazzaro, situata proprio nel primo, per chi giunge dal centro, dei pochi tratti liberi da porticati storici che arricchiscono entrambi i lati, risalta, anche da lontano, in entrambi i sensi di percorrenza, per il suo colore grigio sporco, provocato dalle muffe e dalle infiltrazioni d'acqua, per gli scrostamenti degli intonaci e per la vernice consunta degli infissi dei piani superiori: il tutto ben documentato da foto, per altro suggestive, scattate in questi giorni da Tullio Mauro che ringrazio vivamente.

 

Casa Fogazzaro nella guida di Barbieri, Cevese e Magagnato

Per la verità non si tratta di un palazzo di particolare rilevanza storica. Nella seconda edizione della Guida di Vicenza del 1956, composta da Franco Barbieri, Renato Cevese e Licisco Magagnato per l'Editrice Eretenia, viene solo citata come Casa Fogazzaro e non vi si presta particolare attenzione, a parte la presenza della suddetta targa; l'attenzione è più concentrata sui numerosi elementi architettonici quattrocenteschi-gotici, cinquecenteschi, secenteschi e ottocenteschi, più o meno rimaneggiati nel tempo, delle architetture distribuite lungo tutta la via. La nuova classificazione di ZTL (zona a traffico limitato), preventivata dal Sindaco Variati, potrebbe farli riscoprire e maggiormente apprezzare dai vicentini e dai turisti.
Lungo la stessa via il caso ha voluto che domenica 13 marzo scorso fosse anche organizzato un mercato dei Fiori e Sapori di Primavera con l'esposizione, a ridosso della festa per i 150 anni dell'Unità d'Italia, di opere realizzate dagli studenti delle Scuole Medie Superiori di Vicenza. E questa "vergogna" cittadina è stata "ammirata" con disgusto da chi (sottoscritto compreso) prima ha ascoltato le letture fogazzariane proposte proprio davanti alla casa natale e poi hanno seguito la presentazione ufficiale della mostra.

 

Auspicabile restauro nel corso dell'anno fogazzariano

A giustificazione dell'Amministrazione Comunale, si sa che la casa certamente è di proprietà privata (ignoro l'identità dei proprietari) e proprio per questo l'ente pubblico non ha armi giuridiche per intervenire, a meno che non diventi un pericolo per i passanti, ma mi domando se non sia possibile un'azione concordata di intervento restaurativo, eventualmente facilitato da procedura accelerata.
In fin dei conti l'anno fogazzariano è appena iniziato: per la sua conclusione, nel 2012, si può sperare nel ritorno al suo originario splendore anche della casa in cui i genitori Mariano Fogazzaro e Teresa Barrera hanno fatto nascere il figlio Antonio.

 

nr. 11 anno XVI del 26 marzo 2011

 

Foto della casa di Fogazzaro a cura di Tullio Mauro

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar