NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Stop alle multe “sindacali”

Achille Variati congela le ordinanze dopo l’alt dalla Corte Costituzionale: “Altro che sicurezza e lotta al degrado, ci avevano dato solo delle armi giocattolo”

facebookStampa la pagina invia la pagina

Stop alle multe “sindacali”

«Prima pensavamo fossero armi spuntate, ora sappiano che il Governo ci aveva dato addirittura armi giocattolo per combattere il degrado delle nostre città». È con amarezza e Stop alle multe “sindacali” (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)sdegno che il sindaco di Vicenza Achille Variati, sentito il Prefetto, ha formalizzato l’atto di disapplicazione delle ordinanze che aveva emanato in forza del decreto Maroni. «Le ho dovute di fatto congelare dopo la sentenza della Consulta che ha dichiarato incostituzionale il provvedimento del Governo su cui si reggevano. Dopo quella sentenza, infatti, non sono più applicabili ed era doveroso fare chiarezza nei confronti dei cittadini e dei tutori della legge».
Il sindaco si riferisce all’ordinanza antiprostituzione, a quella contro il bivacco abusivo con camper e furgoni, al divieto di mendicità molesta e ad alcuni aspetti del recente provvedimento sui locali. Saltano le ordinanze e saltano le pesanti sanzioni previste. A proposito dei pubblici esercizi, non sono più Stop alle multe “sindacali” (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)applicabili gli articoli 7, 8 e 9 che riguardano la possibilità di limitare gli orari dei locali fracassoni, le limitazioni degli intrattenimenti musicali e gli orari dei pubblici spettacoli nei bar.
«Sulla sicurezza pubblica – prosegue il sindaco – il Governo ha progressivamente tagliato i fondi ai Comuni, alle Regioni, alle forze dell’ordine, alle Procure. Ai sindaci aveva dato l’arma dell’ordinanza che subito avevamo definito spuntata, perché priva di fondi e di grande efficacia. Oggi abbiamo capito che quell’arma è addirittura giocattolo, cioè totalmente inutilizzabile. Non per colpa della Corte Costituzionale, che dice cosa è legittimo e cosa non lo è. Colpevole è il Governo. A Roma c’è solo una cosa che adesso devono fare: serve una legge del Parlamento».
Quanto alle azioni del Comune, dopo aver sentito l’Anci, il sindaco intende verificare con la Prefettura la possibilità di recuperare le regole perdute attraverso ordinanze contingibili e urgenti e, nel frattempo, revisionare il regolamento di polizia urbana con l’inserimento di norme stabili. Rapidi i tempi: «Per quanto ci riguarda vogliamo muoverci nella certezza del diritto – ha preannunciato Variati – ma spero sia questione di giorni anche se, lo ribadisco, soltanto una legge potrà risolvere in via definitiva questi problemi».



nr. 14 anno XVI del 16 aprile 2011

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar