NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Ftv, sfida al futuro contro la crisi

A distanza di un anno dalla sua nomina (4 luglio 2014) l'amministratore unico Romano traccia un bilancio: "Pronti per nuove scommesse e offerte ai clienti: quest'estate le novità della Linea 100 e verso Gardaland"

facebookStampa la pagina invia la pagina

Ftv, sfida al futuro contro la crisi

(C.R.) "Siamo orgogliosi del lavoro svolto in questo anno, sia sotto il profilo dei conti che delle offerte rivolte alla clientela. Tuttavia non intendiamo fermarci qui, visto che negli ultimi 12 mesi abbiamo allargato le proposte, con idee anche innovative. Guardiamo al futuro con ottimismo".

LE ORIGINI, LA STORIA E I NUMERI

Le Ftv Spa (Ferrovie e Tramvie Vicentine) gestiscono la quasi totalità delle linee extraurbane della provincia e inoltre i servizi urbani di Bassano del Grappa, Valdagno e Recoaro. Le origini sono antichissime, visto che l'Azienda è nata come società tramviaria nel 1879: a quel tempo gestiva un'unica linea, la Vicenza-Montecchio Maggiore-Valdagno con diramazione da Montecchio ad Arzignano. Il primo viaggio della tramvia a vapore sulla linea Vicenza- Valdagno risale al 2 agosto 1880. All'azienda subentrata nel 1907 la "Società Tramvie Vicentine" e a questa le "Ferrovie e Tramvie Vicentine" nel 1951.Infine nel 1970 nasceva l'attuale "Società per l'Ammodernamento e la Gestione delle Ferrovie e Tramvie Vicentine". Pur tra molte polemiche il treno cessò definitivamente di esistere il 15 maggio 1980: l'ultima linea a chiudere fu proprio la Vicenza - Valdagno che di lì a due mesi avrebbe compiuto un secolo di vita.

Ecco i principali numeri di Ftv Spa che emergono dal bilancio 2014
Mezzi a disposizione: 249
Corse giornaliere: 1.685 durante il periodo scolastico, 1.100 in estate
Percorrenze complessive: 10.097.481 km
Presenze complessive di viaggiatori: 15 milioni circa
Abbonati: 18.891
Dipendenti: 297 (di cui 270 autisti fissi)

È questo, a un anno esatto dalla sua nomina, avvenuta il 4 luglio 2014, il bilancio di Romano Leonardi, amministratore unico di Ftv Spa, la società di trasporti che sta dimostrando, a suon di numeri, di essere pronta al percorso che porterà presto alla nascita di un unico gestore di tutto il trasporto pubblico locale vicentino, urbano ed extraurbano.

"Siamo tra le poche partecipate d'Italia che non pesano sui bilanci pubblici - attacca Leonardi, sindaco di Zugliano dal 2004 e 2014 e nello stesso periodo anche consigliere in Provincia - come dimostrano i dati dell'ultimo bilancio: il 2014 è stato chiuso con un utile netto di 139 mila euro, un cifra che è già stata accantonata e servirà per le riserve future. Si tratto di un dato che ci rende orgogliosi soprattutto, in quanto merito di una gestione virtuosa e di sacrifici fatti non rinunciando mai a garantire agli utenti un servizio di eccellenza”.

Come siete arrivate a questo risultato?
"Attraverso una gestione oculata, che ci ha portato nell'esercizio 2014 ad un risparmio di 1,6 milioni di euro sui costi della produzione. Il tutto, come detto, senza diminuire il servizio che anzi è migliorato. Un dato su tutti? Proprio alla fine dello scorso anno abbiamo sottoposto i nostri utenti ad un questionario, con 18 domande rivolte a 850 utenti, intervistati da ragazzi alle fermate dei bus, da cui è emerso che il 91.7% di loro si dice soddisfatto del servizio".
Vi ha favorevolmente sorpreso questo risultato?
"Sì, se non altro per le dimensioni. Tuttavia credo sia anche meritato visto che proprio la gestione oculata ci permette di offrire gli abbonamenti studenti meno costosi del Veneto, con un risparmio medio rispetto alle altre province del 10% a cui si è aggiunto un ulteriore sconto medio del 41% per gli studenti vicentini grazie al contributo della Provincia. Importante anche la strategia che ci ha portato a consentire agli stessi studenti di poter viaggiare gratis per dodici mesi all'anno, quindi anche nel periodo non scolastico. Una scelta quest'ultima anche per invogliare l'utilizzo del mezzo pubblico, anche se di fatto una buona parte degli studenti ha meno di 18 anni, quindi non è patentato".
A proposito di studenti, state già lavorando per l'inizio del prossimo anno scolastico?
"Indubbiamente sì, anche se l'obiettivo è la conferma del piano già messo in atto alla fine dell'estate scorsa. Il problema è sempre legato agli orari di inizio delle scuole: nelle prime 3-4 settimane l'orario delle lezioni non è ancora definitivo, quindi si va incontro a qualche intoppo, proprio a causa di entrate e uscite dagli istituti non ancora definitivi".
Come sono i vostri rapporti con i presidi e i responsabili scolastici?
"Buoni, anche se da parte nostra c'è l'obiettivo di migliorarli ulteriormente, proprio per favorire l'ottimizzazione dei servizio Ftv. Un nostro appello viene rivolto anche agli studenti...".
In che senso?
"Nel senso che, salvo necessità particolari, ci sarebbe la necessità di essere abbastanza rigorosi sugli orari. Faccio un esempio: se all'uscita della scuola gli studenti prendono sempre il primo pullman disponibile tutto procede secondo un programma stabilito a tavolino. Ma se la metà di loro si ferma in città un'ora e prende quello successivo avviene che il primo pullman parte con solo 15 ragazzi a bordo mentre nel secondo rischiano di non trovare posto tutti gli altri. Lo stesso discorso vale per il mattino, dove noi allestiamo anche delle corse bis per far fronte alle necessità".
Per gli studenti avete lanciato anche il collegamento diretto con le università di Padova e Verona...
"Sì è un servizio che ha dato i suoi frutti visto che ad esempio il lunedì e il venerdì, ossia i due giorni di partenza e rientro, siamo stati costretti ad organizzare delle corse bis. Il collegamento è quello che dalla Valle dell'Agno e del Chiampo conduce a Padova e Verona, senza fermarsi a Vicenza".
È presumibile che tale servizio possa partire da altri comprensori del Vicentino?
"In realtà l'avevamo proposto dall'Alto Vicentino, ma la risposta è stata abbastanza tiepida. Evidentemente gli studenti universitari di Thiene e Schio sono più comodi arrivare a Vicenza, per poi prendere il treno. Oppure utilizzano il treno sia per arrivare in città e poi andare a Padova e Verona".
Come vanno i servizi aggiuntivi che vengono proposti durante l'estate, a partire da quelli verso il mare?
"Molto bene e a dirlo sono i numeri, in costante crescita. Ormai consolidato quelli che da Vicenza vanno nelle località balneari del Veneziano, in vigore dal 30 maggio al 12 settembre. Basti pensare alle tre corse giornaliere, con una corsa bis al mattino, verso Jesolo e Sottomarina, ma che consentono anche di arrivare a Caorle, Eraclea, Bibione e Lignano Sabbiadoro. Una corsa al sabato è invece organizzata per raggiungere Gatteo a Mare, in Romagna".
L'offerta è davvero competitiva...
"Sì, 15 euro per andare e tornare a Jesolo crediamo sia un costo davvero allettante, visto i costi degli altri trasporti".
Ftv, sfida al futuro contro la crisi (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Ftv fa 100 per la Grande Guerra, nuova linea per le celebrazioni della grande novità dell'estate 2015 è la Linea 100?
"Certamente. Le Ftv hanno voluto rendere omaggio al centenario della Grande Guerra attivando la linea n.100 che collega Vicenza ad Asiago-Lavarone-Luserna, con la possibilità ovviamente di salire in tutte le fermate intermedie dell'Alto Vicentino, mentre il tratto con il Trentino garantisce fermate in località dove si trovano camminamenti, trincee e fortezze, oltre che a Lavarone e Luserna. Da qui ci sono poi le coincidenze che consentono di raggiungere Trento, in un tempo inferiore alle due ore da Asiago".
È stato definito un collegamento strategico...
"Certamente, visto che si è trovato un accordo con la Trentino Trasporti per favorire i collegamenti tra le due regioni. In definitiva un vantaggio per tutti perchè se dall'Altopiano si può raggiungere varie località del Trentino, anche da Luserna o Lavarone un turista può decidere di andare a fare shopping in centro di Asiago. La Linea 100 sarà attiva tutta l'estate, in via sperimentale, in previsione in particolare del turismo legato al centenario. Poi si traccerà un bilancio, anche se va detto che il servizio di fatto è già attivo durante l'anno scolastico, in quanto rivolto agli studenti vicentini che sono iscritti all'Università di Trento e a quelli trentini che studiano all'alberghiero di Asiago e negli altri istituti".
Infine novità proprio di questi giorni è quella della linea di pullman verso Gardaland...
"Si tratta di un ulteriore servizio, che andrà dunque a completare quello verso il mare e la montagna. Sabato 4 luglio verrà inaugurata la nuova linea diretta verso il parco divertimenti. Il servizio, che nasce da un accordo tra Ftv, Bristol Viaggi di Schio e Gardaland è gratuito, visto che da qualsiasi parte della provincia si paga solo l’ingresso a Gardaland. Sono previste corse ogni martedì e ogni sabato fino al 26 settembre. La partenza e l’arrivo sono alla stazione centrale Ftv di Vicenza, in viale Milano: ritrovo alle 8 e rientro alle 19 circa, orari che assicurano coincidenze con tutto il territorio vicentino. Verrà rimborsato anche il costo del biglietto acquistato per raggiungere Vicenza, quindi l’unica spesa sarà quella di ingresso al parco".
Cambiamo discorso: uno dei problemi è legato alla sicurezza degli autisti e del personale...

"È vero è un problema che ho dovuto affrontare subito, visto che l'estate scorsa si sono verificati il maggior numero di episodi. Un'emergenza che ci ha portato subito a cercare delle soluzioni, anche grazie alla disponibilità della Questura che ha coordinato tutte le forze dell'ordine. Misure efficaci visto che questi episodi, almeno a livello statistico, sono notevolmente diminuite".
Come possono "difendersi" gli autisti?
"Grazie ad una doppia strumentazione installata nei mezzi, ossia due bottoni: il primo consente di avvisare la nostra centrale Ftv e consentire magari di intervenire soprattutto quando i nostri mezzi sono a Vicenza, mentre il secondo consente di avvisare direttamente la centrale operativa della Questura che fa intervenire le forze dell'ordine, anche coinvolgendo le varie pattuglie sparse sul territorio. Ma non finisce qui, visto che da parte nostra, oltre ai tradizionali controllori, disponiamo di personale di vigilanza che a rotazione e in quelle tratte che sono più a rischio salgono sui pullman, a tutela degli autisti ma anche dei clienti".

 

nr. 26 anno XX del 4 luglio 2015

 



Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar