NR. 06 anno XXV DEL 16 MAGGIO 2020
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Il virus ferma il turismo
la neve non basta

Appello del comune di Asiago al governo

facebookStampa la pagina invia la pagina

Il virus ferma il turismo<br>
la neve non basta

Mario Rigoni Stern l’avrebbe chiamata la “Swalabasneea”. La neve della rondine, la neve di marzo, caduta così abbondante da bloccare strade, far crollare alberi già pericolanti, interrompere linee telefoniche. Quasi un metro sopra quota 1.600, come sul Verena e a Cima Larici, dove gli operatori del rifugio Val Formica si son messi a spalare, sgombrare, fare pulizia a pieno ritmo. Per la prima volta, nel week-end, impianti tutti aperti sull’Altopiano: in condizioni normali, sarebbe stato un assalto alle piste, dopo un inverno a digiuno di sciate per molti appassionati.

Purtroppo il sold out salva stagione è un miraggio, per colpa del coronavirus. I registri degli hotel piangono: le prenotazioni disdette toccano ormai il 70 per cento, cancellate gite, vacanze e settimane bianche fino a Pasqua. Pesano soprattutto le quarantene imposte da altre Regioni o paesi esteri. Una beffa, per un territorio finora immune da contagi.

«Un danno incommensurabile e ingiustificato», scrivono il sindaco Roberto Rigoni Stern e l’assessore al turismo Nicola Lobbia in una lettera a Governo e Regione. Un appello rivolto al premier Conte, ai ministri Franceschini e Speranza, al Governatore Zaia: servono immediate misure di sostegno, nonché forme di coordinamento anche sovranazionale per evitare il tracollo.

 

nr. 05 anno XXV del 6 marzo 2020

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar