NR. 14 anno XXVI DEL 4 APRILE 2021
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

“Decreto sostegni
mancette per tutti”

facebookStampa la pagina invia la pagina

“Decreto sostegni<br>
mancette per tutti”

Mancette per tutti e una bella pacca sulla spalla. Sostegni non più ristori. Ma la sostanza rimane sempre la stessa. L’avevano sperato, auspicato, quel cambio di marcia Conte-Draghi. E invece, nei loro conti, ancora una volta, briciole.
Un bar che, ad esempio, tra il 2019 e il 2020, ha avuto una perdita del 41,15% riceverà un contributo di appena 2.030 euro.
Emblematico invece il caso di una trattoria, il cui segno meno si posiziona al 21,79%, non arrivando di fatto alla soglia minima prevista dal decreto del 30%.
A questa attività, quindi, la mancetta non arriverà proprio.
“Dopo Pasqua tanti colleghi non riapriranno – commenta il Presidente Fipe Confcommercio Vicenza, Gianluca Baratto – siamo molto preoccupati. I sostegni non bastano, ci deve essere un’inversione di rotta. Devono farci riaprire”.
L’ennesima delusione. E non va di certo meglio per il mondo del commercio.
Un ambulante di biancheria, per esempio, che, causa sospensione mercati, ha visto calare il suo fatturato del 30,59% vedrà accreditarsi, dallo Stato, poco più di 1000 euro. E la situazione si fa ancora più grave per chi, 13 mesi fa, ha abbassato la serranda e non l’ha più rialzata. Come le discoteche.
Un locale da ballo che, nel 2020, ha perso 385 mila euro di fatturato, potrà beneficiare di un contributo di appena 12.800 euro.
“13 mesi di promesse e briciole – le parole del Presidente SILB Vicenza, Fabio Facchini – e questa è la conferma. Questi sostegni non salveranno un settore che sta rischiando di scomparire per sempre”.
Una manovra da 32 miliardi – continuano commercianti, autonomi e imprese – che fa acqua da tutte le parti. Certo ora sono a disposizione di tutti, e non solo a chi apparteneva ad un elenco di codici Ateco, ma alla fine sono sempre, solo, qualche migliaio di euro che di certo non aiuteranno davvero le imprese.
“I soldi ci sono – commenta il Presidente di Confartigianato Vicenza, Gianluca Cavion – ma devono essere investiti meglio. Il cashback, per esempio, sottrae alle imprese 5 miliardi che potrebbe essere, invece, nuova linfa per riuscire a salvarle”.

 

nr. 13 anno XXVI del 28 marzo 2021

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar