NR. 23 anno XXVI DEL 6 GIUGNO 2021
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

L’università raddoppia
spazi e studenti

facebookStampa la pagina invia la pagina

L’università raddoppia<br>
spazi e studenti

Al piano terra quattro aule da 200 posti ciascuna, connessione ultraveloce. Al secondo piano aule più piccole e poi all'ultimo piano uffici, sale meeting e una grande aula per seminari. Il tutto collegato alla rete di teleriscaldamento e con impianti di ultima generazione. Questo è il nuovo edificio universitario, finalmente completato. Ieri il consiglio provinciale ha approvato lo schema e poi il presidente Francesco Rucco e il presidente della fondazione studi universitari Mario Roberto Carraro hanno firmato il comodato d'uso che affida l'edificio all'università per i prossimi 30 anni, raggiungendo così il risultato di raddoppiare spazi e accoglienza per gli studenti.
Si tratta di un atto importante, che consente alla Fondazione di entrare materialmente nell'edificio e di procedere, con l'università di Padova, a predisporre arredi in tempo per l'inizio del prossimo anno accademico.
“È questa la dimostrazione concreta di quanto la città tenga al mondo universitario – ha commentato il presidente della fondazione Mario Roberto Carraro – considerando che si tratta di un investimento da 26 milioni di euro che viene messo a disposizione dell'ateneo di Padova”.
Una recente rilevazione, proprio della fondazione, ha messo in luce come la didattica a distanza abbia sottratto qualcosa come 15 milioni di ricavi dall'indotto alla città. Ora si spera in una ripresa piena e con possibilità di accogliere molti più studenti rispetto al passato.
“Attualmente gli studenti iscritti ai corsi di Vicenza – ha concluso Carraro – sono almeno 5 mila. Con i nuovi spazi contiamo di poter progressivamente ampliare l'offerta e quindi anche le iscrizioni”.


nr. 23 anno XXVI del 6 giugno 2021

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar