NR. 25 anno XXVI DEL 20 GIUGNO 2021
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

A Valdagno specializzandi
costretti a lasciare le RSA

facebookStampa la pagina invia la pagina

A Valdagno specializzandi<br>
costretti a lasciar

In questo periodo di emergenza sanitaria le case di riposo, oltre alla carenza di personale infermieristico, stanno facendo i conti anche con la mancanza di medici. Accade, ad esempio, al centro servizi per anziani della Fondazione Marzotto, dove alcuni specializzandi in medicina generale, venuti a conoscenza che l'esperienza nelle RSA non è conteggiabile ai fini della graduatoria, hanno preferito lasciare il loro incarico.
«È una situazione che ci mette in seria difficoltà – le parole di Roberto Volpe, Presidente dell'Unione Regionale degli Istituti Per Anziani -. Ogni medico si trova dover seguire 60 pazienti; ciò significa che se un medico lascia l'incarico 60 persone si trovano costrette a trovare un nuovo medico. Sarebbe invece fondamentale garantire all'anziano una continuità assistenziale e terapeutica, ma a queste condizioni non è possibile assicurarla».
Stando alle disposizioni ministeriali, tra gli incarichi che i giovani corsisti possono svolgere non vi è quello che prevede l'assistenza nelle case di riposo. «Si tratta di una norma assurda – continua Roberto Volpe -. Noi abbiamo scritto alla Regione Vento una lettera affinché si intervenga in sede nazionale. Queste disposizioni sono inaccettabili».


nr. 25 anno XXVI del 20 giugno 2021

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar