NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Il premio Maschera d’Oro
consegnato al Teatro dei Picari

Felice conclusione del XXII Festival Nazionale del teatro amatoriale al San Marco.
Intervista al presidente del Comitato Regionale Veneto

di Mario Bagnara
mario.bagnara@fastwebnet.it

facebookStampa la pagina invia la pagina

MASCHERA D’ORO

Con le premiazioni dello scorso sabato 27 marzo al Teatro San Marco di Vicenza, durante un'affascinante serata di gala, animata dalla Compagnia "Amici per un sogno" con il musical Il Cerchio della Vita, ha avuto felice conclusione il 22° Festival Nazionale "Maschera d'Oro" che il prossimo 22 maggio porterà la compagnia vincitrice ("Il Teatro dei Picari" con lo spettacolo Il diavolo con le zinne di Dario Fo) a debuttare al Teatro Olimpico e a ricevere quindi anche il 16° Premio "Faber Teatro": un traguardo particolarmente significativo non solo per il teatro amatoriale, ma anche per tutto il teatro italiano, in particolare per la tradizione teatrale vicentina nell'ambito della quale la rassegna è stata ideata e attuata fin dalla origini. Grande benemerito, premiato, proprio nella Giornata Nazionale del Teatro, anche dal Presidente della Repubblica con una medaglia speciale consegnatagli nella stessa serata dall'On. Luciano Righi, è Aldo Zordan, presidente della Federazione Italiana Teatro Amatori - Comitato Regionale Veneto con il quale facciamo un bilancio dell'ultima edizione.

Presidente Zordan, anche quest'anno il pubblico ha risposto con entusiasmo ad un impegnativo appuntamento teatrale di ben otto serate. È soddisfatto della risposta in generale anche dal punto di vista statistico delle presenze e in particolare del rapporto di "fidelizzazione" degli spettatori?

«Assolutamente sì. Devo confessare che avevo qualche preoccupazione per l'impatto che il nuovo teatro avrebbe potuto avere sulla nostra programmazione, ma in realtà non ne abbiamo minimamente risentito. Anzi. Basta guardare i dati relativi alla vendita degli abbonamenti: il loro numero è cresciuto del 10 per cento e per l'80 per cento sono stati venduti addirittura prima che il cartellone venisse reso noto, a dimostrazione dell'affetto del pubblico nei confronti del festival. Il risultato è stato veramente ottimo, con il teatro gremito ogni sera di spettacolo, e con la media di spettatori più alta degli ultimi dieci anni».

E tutto questo anche se, quasi ogni sabato, si è verificata la concorrenza di altri spettacoli al Teatro Comunale, al Teatro Astra e in altre sale cittadine. Servirebbe un coordinamento?

«Sicuramente sarebbe vantaggioso per tutti: ci sono state serate nelle quali il cartellone di città e provincia contava anche quattordici/quindici spettacoli...; sono situazioni che con un coordinamento si potrebbero gestire meglio..., ma per farlo ci vuole la volontà di tutti».

Ad ogni spettacolo il pubblico è stato invitato ad esprimere una sua votazione in funzione di un premio speciale. Ha notato una maturazione critica in questi oltre vent'anni?

«Sì. E non è un caso che la scelta della giuria e quella del pubblico spesso tendano a coincidere. Ci siamo resi conto che il pubblico di una manifestazione come la nostra non cerca affatto il puro e semplice divertimento e non si fa nemmeno influenzare dal titolo celebre o dalla compagnia rinomata: ha maturato un forte senso critico e ciò che cerca, è sempre e comunque la qualità, riuscendo a scovarla sia in uno spettacolo squisitamente brillante sia in un testo di forte intensità drammatica».

Anche i mezzi di comunicazione di massa hanno dimostrato notevole interesse verso questa rassegna teatrale. Soddisfatto?

«Ci hanno seguito con attenzione e costanza e siamo molto grati a tutti. Ci piace anche considerare questa attenzione il frutto della serietà e dell'impegno con i quali da sempre lavoriamo, puntando ogni anno a migliorarci e ad offrire qualcosa di più al pubblico. Un grazie particolare va naturalmente a Il Giornale di Vicenza, che ha dato ampio spazio sia alle presentazione che alle critiche teatrali dei singoli spettacoli ed è stato, anche quest'anno, partner del festival».

continua »

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar