NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Santorso: ospedale nuovo un’opportunità o un problema per il paese?

Il nosocomio dell'Alto Vicentino aprirà i battenti ad inizio primavera. Positivi i bilanci, anche se dovrà essere verificato l'impatto sulla viabilità. Le speranze dei commercianti locali

facebookStampa la pagina invia la pagina

Santorso: ospedale nuovo un’opportunità o un probl

Santorso: ospedale nuovo un’opportunità o un probl (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)(C.R.) È già iniziato il "countdown" per l'apertura dell'ospedale di Santorso, che avverrà nei primi mesi del 2012, presumibilmente tra marzo e aprile. Una struttura, moderna e tecnologicamente molto avanzata, che in qualche modo rappresenta una rivoluzione nella sanità dell'Alto Vicentino e dell'intera provincia: gli ospedali di Thiene e Schio saranno sostituiti dal nosocomio unico per acuti, che presuppone la riorganizzazione dei servizi sanitari del territorio e che porterà alla modifica dell'offerta dei servizi rivolti ai cittadini. Tra le novità il fatto che, anche se non immediatamente, non verrà utilizzata la carta, ma tutte le informazioni viaggeranno per via telematica.

Sarà curioso e interessante capire come il nuovo ospedale, che servirà l'intero Alto Vicentino, andrà ad influire sulla vita e sul futuro di Santorso, piccolo comune di 5.700 abitanti: noi lo abbiamo chiesto ad amministratori locali e commercianti, tutti concordi nel dire che l'apertura del nuovo nosocomio garantisce straordinarie opportunità, importanti da cogliere in un periodo di crisi economica.

 

Pietro Menegozzo (sindaco Santorso): «Case e appartamenti aumenteranno di valore»

 

Santorso: ospedale nuovo un’opportunità o un probl (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)«Sin dall'inizio siamo stati consapevoli che la nascita dell'ospedale unico nel nostro comune rappresenta un servizio per l'intera collettività dell'Alto Vicentino». È questa la posizione di Pietro Menegozzo, sindaco di Santorso, a cui abbiamo chiesto di elencarci vantaggi e svantaggi nell'ospitare una struttura simile nel proprio territorio.

«Almeno direttamente - assicura - non ci sarà nessun vantaggio per l'economia locale, visto che attorno o nelle vicinanze dell'ospedale non nascerà nessuna struttura commerciale, come ad esempio negozi o alberghi. Questo rientra nell'accordo iniziale, una specie di diktat che noi abbiamo voluto imporre. Attorno alla mega struttura non si costruirà e resterà il verde che esiste adesso. Proprio per questo i vantaggi sull'economia reale non saranno molti, anche se probabilmente i due piccoli alberghi presenti a Santorso potrebbero vedere garantire maggiori presenze. Sotto questo punto di vista credo tuttavia, vista la vicinanza, che a beneficiarne potrebbero essere anche gli hotel di Schio, Zanè e comuni contermini».

Piuttosto la nascita dell'ospedale porterà vantaggi, anche rilevanti, sotto l'aspetto edilizio. A confermarlo è lo stesso sindaco Menegozzo: «Sicuramente il valore delle case e appartamenti di Santorso aumenteranno di valore, anche se è difficile quantificare in che percentuale. In tal senso la richiesta di alloggi da parte di professionisti o dipendenti crescerà nei prossimi mesi e questo porterà inevitabilmente ad un aumento dei prezzi e di conseguenza anche a un maggior valore delle case, con la possibilità di affari per chi ha intenzione di vendere».

Ulteriori vantaggi potrebbero arrivare sotto il profilo occupazionale. «Anche in questo caso è difficile quantificare ma sono sicuro che diversi miei concittadini potranno trovare lavoro, direttamente o nell'indotto, con l'apertura della nuova struttura sanitaria. In una riflessione complessiva a me piace fare il discorso contrario e chiedermi, qualora non fosse stato costruito l'ospedale unico dell'Alto Vicentino proprio a Santorso, il possibile decadimento degli ospedali di Thiene e Schio: il rischio era quello che Vicenza o Bassano potevano diventare la struttura sanitaria più vicina a noi. In questo modo, invece, oltre ad un servizio indispensabile per i nostri cittadini, abbiamo mantenuto le professionalità in campo sanitario».

La costruzione del nuovo ospedale ha già portato a Santorso il corso di laurea in fisioterapia che si terrà a Villa Miari, una struttura sanitaria comunale, suddivisa tra casa di riposo e centro di riabilitazione neurocognitiva. «Di certo il corso di laurea - assicura il primo cittadino - non sarebbe arrivato e Villa Miati, anche a livello di professionalità, potrà giovarsi del vicino ospedale».

Secondo il sindaco Menegozzo l'ospedale, sorto nella frazione Garziere, non creerà grossi problemi sotto il profilo della viabilità, un problema questo evidenziato a più riprese anche dall'opposizione in consiglio. «La nuova struttura, proprio perchè nata ex novo, è stata collocata appositamente al di fuori, visto che l'ospedale è collocato a quasi 3 chilometri dal centro. Il traffico resterà fuori dagli assi viari urbani e l'annunciata apertura verso Schio di Via Maestri del lavoro finirà con l'alleggerire ulteriormente il traffico la viabilità. C'è poi da considerare che secondo gli studi da e verso un ospedale il traffico non è mai concentrato in fasce particolari del giorno ma è diluito nell'arco delle 24 ore».

continua »

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar