NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Asiago, inverno da incubo. «Impossibile sopravvivere senza neve»

In Altopiano l'assenza di precipitazioni sta pesando negativamente sul turismo invernale. La preoccupazione degli addetti ai lavori, che lamentano un crollo degli affari

facebookStampa la pagina invia la pagina

Asiago, inverno da incubo. «Impossibile sopravvive

(C.R.) Un inverno praticamente senza neve, attesa peraltro proprio in questi giorni. A fine gennaio è presto stilare un bilancio della "stagione bianca", ma sinora la mancanza di precipitazioni sta pesando in maniera pesante sul turismo invernale: i dati finali (anche in caso di buon innevamento da febbraio in poi...) peseranno negativamente su un bilancio da profondo rosso. Nell'inverno precedente ad Asiago e dintorni le nevicate, anche abbondanti, erano arrivate a metà ottobre e poi anche a fine novembre e nei mesi successivi. Quest'anno è invece saltato il ponte dell'Immacolata, ma la quasi assoluta mancanza di neve ha caratterizzato l'intero mese di dicembre, l'inizio dell'anno e, come si è visto, quasi tutto il mese di gennaio. L'augurio è che, anche se in ritardo, le nevicate possano regalare agli operatori turistici, ma anche agli appassionati di sci, un finale di inverno di buoni affari e divertimento. In Altopiano solo con gli impianti vivono centinaia di persone, ma se si aggiungono alberghi e servizi di ristorazione si supera il migliaio di addetti. Il rischio, soprattutto per imprenditori e commercianti, è di uscire da questo inverno con le "ossa rotta". Ma vediamo come ad Asiago operatori economici ed impiantisti stanno vivendo questo difficile momento economico.

 

Roberto Rigoni (vicesindaco e assessore allo sport): «Forse chiederemo lo stato di calamità naturale»

Roberto Rigoni (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Chi non nasconde la preoccupazione per il difficile momento è Roberto Rigoni, vicesindaco e assessore al turismo di Asiago, da un anno anche presidente del rinnovato Consorzio Turistico Asiago 7 Comuni. «La situazione attuale - dice Rigoni - è talmente grave che a nostro parere esistono gli estremi per richiedere lo stato di calamità naturale. Ovviamente bisognerà aspettare la fine della stagione invernale per decidere in tal senso, ma credo che i presupposti ci siano tutti. La situazione rimarrà grave anche se l'innevamento sarà sufficiente nei mesi di febbraio e marzo».

Per l'assessore Rigoni il mancato innevamento «è un problema che sta penalizzando tutte le località turistiche italiane, nessuna esclusa. Puoi anche avere le migliori strutture di innevamento programmato, ma niente come la neve fresca rappresenta un richiamo e uno stimolo anche sotto il profilo psicologico. Detto questo c'è da dire che in Altopiano paghiamo l'assenza di investimenti, che avrebbero dovuto essere stati fatti nei decenni scorsi, quando gli incassi erano rilevanti e invece poco è stato reinvestito in strutture moderne. Non c'è dubbio che il futuro turistico invernale passa attraverso l'ampliamento delle Melette e del Verena. Noi come Comune attraverso i fondi di confine abbiamo chiesto i contributo ma i circa 12-15 milioni di euro necessari per gli investimenti devono essere a carico di imprenditori privati».

Anche quest'anno verrà riproposto “Asiago... Fiocchi di Luce 2012”, il 4° Concorso Internazionale di fuochi d’artificio in musica in programma dal 3 al 5 febbraio, con ingresso libero al pubblico. Per rendere più piacevole il week-end asiaghese, sono stati predisposti dal Consorzio Turistico Asiago 7 Comuni degli appositi pacchetti turistici, che comprendono hotel di diverse categorie per rispondere a ogni esigenza di soggiorno. «Tutte le offerte sono state strutturate per permettere soprattutto alle famiglie e ai giovani di trascorrere un fine settimana unico, abbinando la possibilità di assistere a un evento spettacolare con l’occasione di trascorrere alcuni giorni ad Asiago». «Questo evento - conclude Rigoni - collocato appositamente lontano dalle vacanze di Natale ha proprio come obiettivo l'abbinamento o l'alternativa allo sci. Lo stesso è avvenuto con i Mercatini di Natale, da metà novembre in poi, che hanno registrato grande successo e che quest'anno, per la prima volta, ci hanno consentito di portare comitive con i pullman».

Asiago, inverno da incubo. «Impossibile sopravvive (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)

continua »

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar