NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Villa di scienza e di pensiero

Per 15 giorni il sito palladiano diverrà sede di convegni, mostre, giochi e laboratori per raccontare la scienza

di Alessandro Scandale
a.scandale@gmail.com

facebookStampa la pagina invia la pagina

Villa di scienza e di pensiero

Torna anche quest'anno, per la terza edizione, il festival "Caldogno: Villa di Scienza e di pensiero" in programma dal 13 aprile al 1° maggio. Una rassegna organizzata dalla Pro Loco e dal Comune di Caldogno che offrirà decine di eventi tra convegni, incontri con autori e scienziati, mostre, giochi e laboratori per raccontare la scienza in tutte le sue forme, anche con un pizzico di ironia e di leggerezza. La kermesse, finanziata dall'amministrazione comunale con 15mila euro, avrà quest'anno come basi non solo lo splendido scenario palladiano della Villa con il suo giardino e le Barchesse, ma anche il Palatenda del centro comunitario e il Teatro Gioia, che accoglieranno gli eventi con maggior afflusso. «La novità di Franzina (Art. corrente, Pag. 2, Foto generica)quest'anno è che il festival sta ampliando gli orizzonti - spiega il presidente della Pro Loco Roberto Franzina -. I luoghi di questa edizione saranno anche Vicenza con i Chiostri di S. Corona e l'Informagiovani, ma anche Thiene con l’Itis Ceccato che ospiterà una delle due semifinali di gare a squadre di matematica. Abbiamo messo in piedi una serie di appuntamenti per un pubblico vasto, di adulti ma anche di giovani. Arriveranno scienziati, matematici e creativi per questo appuntamento annuale che si sta affermando sempre più e che lo scorso anno ha richiamato quasi quattromila persone».

Da venerdì 13 aprile dunque la dimora palladiana farà da cornice a conferenze, spettacoli, laboratori, mostre e altre attività, perlopiù ad ingresso gratuito, che incuriosiranno adulti e bambini trasportandoli nel mondo della navigazione, dell’astrologia, delle energie alternative, dell’economia verde e tanto altro. In programma anche alcuni appuntamenti legati alla matematica e agli origami, che si terranno ai Chiostri di Santa Corona di Vicenza. Alla presentazione della rassegna, tenutasi in Villa alla presenza del sindaco Marcello Vezzaro, del consigliere regionale veneto (nonché ex primo cittadino calidonense) Costantino Toniolo, dell’assessore alla Cultura Luisa Benedini e del presidente della Proloco Franzina, lo stesso Vezzaro ha sottolineato come «l'obiettivo dell’iniziativa sia quello di mescolare discipline e saperi, creando una piccola summa e regalando un po' di scienza, che è cultura, a tutti. La manifestazione, infatti, si rivolge ad ogni età. Grandi ospiti, scienziati, bambini, adulti e professionisti del settore si incontreranno sullo sfondo della nostra splendida Villa per studiare, spiare, ascoltare, toccare la scienza e le sue stimolanti ed innumerevoli applicazioni».

«Una rassegna che conferma la vocazione culturale del complesso della nostra villa, che stiamo cercando sempre più di valorizzare, seguendo un percorso virtuoso già intrapreso sapientemente dalle precedenti amministrazioni comunali, anche e soprattutto tramite eventi di ampio respiro e richiamo come questo. Una rassegna che vedrà arrivare a Caldogno personaggi di spicco della cultura nazionale come lo scrittore Mauro Corona ed Ermete Realacci, esponente di spicco dell'ambientalismo italiano».

Il programma vede un fitto calendario di incontri che si aprirà lunedì 16 alle 21 al Centro Comunitario, con "La storia curiosa della scienza": una divertente analisi del progresso scientifico, presentata dal comico "catartico" di Zelig, Flavio Oreglio. «Un'occasione - ha precisato Franzina - per sentir parlare di scienza in modo divertente con un personaggio che non è solo un comico ma anche un autore, suo è infatti il libro omonimo. Oreglio è laureato in scienze biologiche con specializzazione in ecologia e sono certo che intratterrà il pubblico in modo simpatico e accattivante, per fare apprezzare la scienza anche ai neofiti».

Martedi 17 aprile alla stessa ora arriverà uno dei personaggi più seguiti e controversi, lo scrittore ertano Mauro Corona, che per l'occasione salirà sul palco insieme al figlio Matteo per "Generazioni a Confronto", una chiacchierata tra padre e figlio davanti al pubblico delle grandi occasioni per parlare dei loro recenti libri ma anche della loro vita. In "Come sasso nella corrente", il più recente romanzo di Mauro Corona, ritorna il tema della natura accanto a un altro leitmotiv della vicenda autobiografica dell’autore: la scultura e l’intaglio del legno. Al centro della narrazione c'è una donna non più giovane, un uomo amato e i ricordi del tempo passato insieme. Le sculture in legno che popolano la casa di lei parlano di quell’uomo, della sua natura schiva ma insieme espressiva, e dipanano il filo della narrazione attraverso la vita trascorsa.

conferenza (Art. corrente, Pag. 2, Foto generica)

continua »

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar