NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

E se Christo scegliesse i nostri monumenti?

Abbiamo chiesto a quattro tra sindaci e assessori vicentini se sarebbero disposti ad ospitare un progetto dell'artista bulgaro dopo il successo boom al lago d'Iseo. Tutti favorevoli, per alcuni di loro sarebbe un sogno

di L.P.

facebookStampa la pagina invia la pagina

E se Christo scegliesse i nostri monumenti?

Il "The Floating Piers", il sistema di pontili fluttuanti che l'artista bulgaro Christo ha montato sul lago d'Iseo, nel comune di Brescia, regalando a tantissime persone la sensazione di camminare sulle acque, rappresenta uno degli eventi dell'estate 2016 in Italia. E non solo per un afflusso record (circa 1 milione e mezzo di visitatori, anche se una parte di loro non ha potuto accedere alla passerella ma solo ammirarla da lontano) nei sedici giorni di apertura, dal 18 giugno a domenica 3 luglio. Il "ciclone" Christo, come viene soprannominato, è noto per aver "impacchettato" monumenti storici, il Pont Neuf a Parigi e il Reichstag a Berlino, tanto per citare alcuni dei più famosi. Ma questa volta si è esibito in una performance davvero straordinaria, sbarcata nel Nord Italia dopo essere stata respinta in Argentina, Germania e altre nazioni perché ritenuta troppo difficile da realizzare, basti pensare ai 200 mila blocchi galleggianti posizionati nel fondale del lago.

E se Christo scegliesse i nostri monumenti? (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)«La gente - ha spiegato nella sua presentazione l'artista, che tuttavia non ha rilasciato interviste a nessun giornalista - viene da ogni parte per camminare verso il nulla: non per lo shopping, non per incontrare gli amici. Ma se non avete pazienza, non venite: l'attesa fa parte dell'esperienza».

In molti ad inizio luglio (a partire dagli operatori turistici della zona) hanno spinto affinché l'opera non venisse smontata, ma diventasse perenne o almeno la chiusura fosse posticipata. Niente da fare: l'artista bulgaro, il più grande esponente mondiale della land art, è stato irremovibile. Da sempre le sue opere sono temporanee, accessibili a tutti e gratuite.

Il portale www.ladomenicadivicenza.it, in maniera anche un po' provocatoria, ha contattato l'assessore alla crescita di Vicenza e i sindaci di Montecchio Maggiore, Bassano del Grappa e Marostica per capire se sarebbero disposti ad ospitare l'artista bulgaro per un suo progetto. Ecco sa ci hanno risposto.



continua »

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar