NR. 43 anno XXVIII DEL 23 DICEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Vicenza e calcio veneto in crisi, si salvano solo le "piccole"

Il “miracolo” di Chievo e Cittadella e la triste realtà delle "nobili decadute" come il Lane

di L.P.

facebookStampa la pagina invia la pagina

Vicenza e calcio veneto in crisi, si salvano solo

TUTTE LE PRESENZE VENETE/TRIVENETE IN SERIE A DAL DOPOGUERRA IN POI

 1945-1946 Venezia e Vicenza 
 1946-1947  Venezia e Vicenza
 1947-1948  Vicenza
 1948-1949  Padova
 1949-1950  Padova e Venezia    
 1950-1951  Padova
 1951-1952   Padova
 1952-1953   ---------------
 1953-1954   ---------------
 1954-1955   ---------------
 1955-1956   Padova e L.R.Vicenza  
 1956-1957   Padova e L.R.Vicenza  
 1957-1958  Padova, L.R.Vicenza e Verona 
 1958-1959   Padova e L.R.Vicenza 
 1959-1960   Padova e L.R.Vicenza 
 1960-1961   Padova e L.R.Vicenza 
 1961-1962   Padova, L.R.Vicenza e Venezia 
 1962-1963   L.R.Vicenza e Venezia
 1963-1964   L.R.Vicenza  
 1964-1965   L.R.Vicenza  
 1965-1966   L.R.Vicenza  
 1966-1967   L.R.Vicenza e Venezia
 1967-1968   L.R.Vicenza  
 1968-1969   L.R.Vicenza e Verona  
 1969-1970   L.R.Vicenza e Verona  
 1970-1971   L.R.Vicenza e Verona  
 1971-1972   L.R.Vicenza e Verona  
 1972-1973   L.R.Vicenza e Verona  
 1973-1974   L.R.Vicenza e Verona  
 1974-1975   L.R.Vicenza  
 1975-1976   Verona   
 1976-1977   Verona   
 1977-1978   L.R.Vicenza e Verona 
 1978-1979   L.R.Vicenza e Verona 
 1979-1980   --------------
 1980-1981   --------------
 1981-1982   --------------
 1982-1983   Verona
 1983-1984   Verona
 1984-1985   Verona (campione d'Italia) 
 1985-1986   Verona
 1986-1987   Verona
 1987-1988   Verona
 1988-1989   Verona
 1989-1990   Verona
 1990-1991   -------------- 
 1991-1992   Verona
 1992-1993   -------------- 
 1993-1994   -------------- 
 1994-1995   Padova
 1995-1996  Padova e Vicenza 
 1996-1997   Verona e Vicenza (vinc. Coppa Italia) 
 1997-1998   Vicenza
 1998-1999   Venezia e Vicenza 
 1999-2000   Venezia e Verona 
 2000-2001   Verona e Vicenza 
 2001-2002   Chievo, Venezia e Verona 
 2002-2003   Chievo   
 2003-2004   Chievo   
 2004-2005   Chievo   
 2005-2006   Chievo e Treviso 
 2006-2007   Chievo   
 2007-2008   -------------
 2008-2009   Chievo
 2009-2010   Chievo
 2010-2011   Chievo
 2011-2012   Chievo
 2012-2013   Chievo
 2013-2014   Chievo e Verona  
 2014-2015   Chievo e Verona  
 2015-2016   Chievo e Verona  
 2016-2017   Chievo
PRESENZE IN A PER CLUB 
 Vicenza  30
 Verona  27
 Chievo  15
 Padova  13
 Venezia  9
 Treviso  1
 Totale  95

Da una parte trascorsi storici e trionfi a livello nazionale grazie a Vicenza, Hellas Verona e Venezia. Dall'altra la crisi degli Anni Duemila e la situazione attuale del calcio veneto attualmente guidata dal Chievo (terzo in serie A) e Cittadella (capolista in B). Il portale www.ladomenicadivicenza.it ha voluto approfondire il tema sentendo addetti ai lavori vicentini per affrontare la triste realtà delle "nobili decadute". Ecco cosa è emerso.

 

Lo scudetto del Verona nel 1985 e le Coppe Italia conquistata da Vicenza (1997) e Venezia (1941). Ma negli Anni Duemila è il Chievo il team che ha quasi sempre giocato in A

Il Chievo unica squadra in serie A, dove occupa attualmente il terzo posto, mentre il campionato di B è al momento comandato dal Cittadella. È questo il sorprendente scenario, allo stato attuale, del calcio veneto che orfano dei club storici nell'elite nazionale - dal Padova al Venezia, dal Vicenza al Verona, con le prime due in Lega Pro e le altre due tra i cadetti - si affida alle piccole per tenere alto il blasone. E non è escluso che debba farlo anche nei prossimi anni, anche se obiettivamente l'Hellas Verona è tra le favorite per la promozione in serie A.

Vicenza e calcio veneto in crisi, si salvano solo (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Una situazione peraltro abbastanza consolidata. Come dimostra il tabellone qui a fianco negli Anni Duemila il Chievo, simpaticamente soprannominato la "squadra di quartiere", ha sempre giocato in serie A (ad eccezione di una sola stagione, nel 2007-2008, ma poi ha saputo conquistare l'immediata promozione), riuscendo anche a rappresentare l'Italia in Europa, prima in Coppa Uefa e poi anche nei preliminari di Champions League. Sporadiche le presenze delle altre venete in serie A negli Anni Duemila: il Verona ha disputato tre anni consecutivi, dal 2013 e sino al giugno scorso, quando ha dovuto salutare il torneo delle "big", il Vicenza ha giocato l'ultimo campionato nel 2000-2001, mentre è stata sporadica la presenza del Treviso (ora in serie D) nella stagione 2005-2006. Tempi duri quindi per le squadre storiche del veneto, con il Vicenza che ha sofferto sin troppo nell'ultimo decennio, in cui ha giocato in Lega Pro, mentre addirittura peggio è andato a Venezia e Padova che a causa di fallimenti sono dovute ripartire dalla serie D, mentre ora giocano in terza serie. Nello stesso campionato, nel girone B, è inserito anche il Bassano Virtus, che due anni fa è arrivato vicinissimo (sconfitta nella finale dei play-off) alla promozione in serie B

Sembra trascorso "un secolo", eppure non sono poi così lontanissimi gli anni del trionfo in Coppa Italia nel 1997 del Vicenza (che poi nella stagione successiva approdò alla semifinali di Coppa delle Coppe) e ancora prima, nella stagione 1984-1985, del clamoroso scudetto del Verona e alle successive esperienze del team gialloblu in Coppa Campioni e Coppa Uefa, mentre un altro pezzo di storia è rappresentato dal "Real Vicenza" di Paolo Rossi, secondo dietro alla Juventus nel 1977-1978, cui seguì l'anno successivo l'avventura europea in Coppa Uefa. Ma nello spulciare i vecchi e polverosi testi calcistici pagine entusiasmanti sono state scritte anche dal Padova di Nereo Rocco (terzo nella stagione 1957-'58, quinto nel 1959-'60 e sesto la stagione successiva) e ancora prima il Venezia, vincitore della Coppa Italia nel 1941.

Nella speciale classifica delle presenze nel massimo torneo dal Dopoguerra ad oggi (in Italia il campionato unico esiste infatti dalla stagione 1945-1946) il Vicenza continua a guidare il gruppo delle squadre venete con 30 campionati (di cui venti consecutivi dal 1955 al 1974!), seguito dal Verona con 27 campionati, dal Chievo con 15, cui seguono nell'ordine Padova (13), Venezia (9) e Treviso (1).

 

Pieraldo Dalle Carbonare, presidente negli Anni Novanta: «Chievo e Cittadella esempi per il calcio italiano, a Vicenza e nelle altre piazze c'è più pressione psicologica»

Pieraldo Dalle Carbonare, il presidente del Vicenza artefice del periodo più glorioso del club biancorosso (in testa alla classifica di serie A per due settimane nell'autunno 1996, trionfo in Coppa Italia nel 1997 e semifinale di Coppa delle Coppe l'anno successivo), ritiene l'exploit di Chievo e Cittadella un risultato straordinario ma anche «semplicissimo».

Vicenza e calcio veneto in crisi, si salvano solo (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)«Rappresenta - il parere di Dalle Carbonare - il frutto del lavoro e della capacità di gestire un'azienda calcistica in maniera impeccabile. Se andiamo a vedere non si tratta di risultati che nascono dall'oggi al domani, il Chievo da quasi 15 anni gioca in serie A e dopo essere retrocesso, ha avuto la capacità di risalire immediatamente. Da parte sua il Cittadella che negli ultimi decenni ha quasi sempre giocato in serie B, ha avuto la capacità di risalire dopo la retrocessione di due anni fa. Per tornare alla serie A lo stesso dicasi per l'Udinese, sino a due anni una delle società modello del calcio italiano».

«Questa capacità di fare calcio - continua l'ex presidente del Vicenza - non è invece riuscita negli ultimi tempi a Venezia e Padova che sono addirittura fallite, ma anche il Vicenza indubbiamente sta facendo fatica. Non credo ci siano ricette particolari, altrimenti basterebbe copiarle in qualsiasi piazza calcistica. Il merito è indubbiamente di presidenti e dirigenti, anche se obiettivamente in piazze come Chievo e Cittadella si è facilitati dalla mancanza di pressione e dove si può giocare senza lo stress psicologico, che indubbiamente c'è in club prestigiosi come Vicenza, Padova e Venezia».

Ma dai casi delle "piccole" Chievo e Cittadella c'è un altro aspetto fondamentale che emerge. «Non è un caso che entrambe queste società siano guidate da un presidente, che rappresenta un'unica famiglia, proprietaria del club. Soprattutto nel mondo del calcio ho sempre visto con una certa diffidenza quelle che possiamo definire le multiproprietà, perché quando ci sono più soci è inevitabile che ognuno di loro chieda di avere voce in capitolo, altrimenti non avrebbero investito soldi».

Nel Duemila il divario tra grandi e piccole del calcio italiano si è decisamente allargato, come conferma lo stesso Dalle Carbonare che comunque tiene a precisare che «anche negli Anni Novanta i grandi club hanno sempre avuto più soldi. Eppure se andiamo a vedere la situazione attuale ci accorgiamo che in serie A spicca una realtà piccola come il Sassuolo, mentre nell'ultimo biennio sono state promosse tra le grandi Carpi, Frosinone e quest'anno il Crotone, a conferma che le provinciali possono ancora mettersi in luce».

continua »

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar