NR. 16 anno XXIV DEL 27 APRILE 2019
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Andrea Palladio
e i gatti di Vicenza

di Alessandro Scandale
a.scandale@gmail.com

facebookStampa la pagina invia la pagina

Andrea Palladio e i gatti di Vicenza

Vicentini magnagati? Forse sì, forse no. Quel che è certo è che in qualche modo i gatti tornano spesso a far parlare di loro quando si tratta di Vicenza. Stavolta da Sarmede, il paese delle fiabe ai piedi delle dolci colline trevigiane. Andrea Palladio e i gatti di Vicenza (De Bastiani editore) è un simpatico libro illustrato per ragazzi - ma non solo - che i vicentini apprezzeranno per la sua originalità e che è frutto di un lavoro di squadra creativo e interessante per le sue implicazioni artistiche e culturali. Il grande architetto nato a Padova ma vicentino d'adozione, Andrea Palladio, all’anagrafe Andrea Della Gondola, conosciuto e imitato in tutto il mondo, è protagonista di un libro illustrato che ne svela i segreti, partendo dal ragazzino pieno di sogni che prima a Padova e poi a Vicenza scalpellava i marmi nelle botteghe di artisti e artigiani.

Andrea Palladio e i gatti di Vicenza (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Il libro scritto da Laura Simeoni contiene le tavole realizzate da illustratori e illustratrici che hanno partecipato a Sarmede ad un apposito corso nella Scuola Internazionale d’Illustrazione sostenuta dalla Fondazione Stepan Zavrel - artista ceco emigrato in Italia nel secolo scorso e stabilitosi in Veneto; un corso coordinato dall’insegnante vicentina Valeria Bertesina. Lo scopo era quello di realizzare un libro a misura di bambino e di ragazzo, al cui progetto editoriale hanno lavorato 15 corsisti, italiani e stranieri, tra cui quattro vicentini: Roberta Campagnolo e Michela Liotta di Vicenza, Monica Pellattiero di Creazzo, Matteo Perdon di Torri di Quartesolo, Cristina Alaimo di Martellago, Ghida Barraj di Beirut, Sandrine Duc di Grenoble, Laura Gerosa di Monza, Patrizia Loccardi di Trieste, Irene Mazzacurati di Ferrara, Bianca Passaglia di Pisa, Manola Reis di Trieste, Giulia Tognocchi di Buccinasco, Gianfranco Virgilio di Pordenone, Chiara Zuin di Padova. Sulle ali della fantasia il lettore può sognare e nello stesso tempo cogliere aspetti essenziali della vita del giovane Palladio, il magico incontro con i saggi gatti vicentini, l’amicizia stretta con il suo mecenate, l’umanista Gian Giorgio Trissino che gli fece scoprire la bellezza dei classici e gli permise di spiccare il volo verso mete elevate. Fra l’altro nei suoi trattati di Architettura Palladio riserva spazi speciali alla cura e gestione degli animali in villa. Il libro, edito in italiano e inglese con traduzione di Michele Rigo, fa parte di una collana dell’editore De Bastiani, che ripropone un formato particolare: si tratta di “leporelli”, libri che si aprono a guisa di fisarmonica e che prendono il nome dal personaggio di un’opera scritta da Lorenzo Da Ponte (di Vittorio Veneto come l’editore) per Wolfang Amadeus Mozart, il Don Giovanni. Leporello è un servitore-consigliere di don Giovanni, che raccoglie i nomi delle conquiste femminili del suo padrone in un foglietto ripiegato molte volte, in modo da essere comodamente conservato in tasca. Le illustrazioni sono frutto di tecniche molto diverse, alcune monocrome altre coloratissime; ciascuno ha dato il meglio di sé rispettando il proprio stile e ciò che più colpisce, in tanta diversità, è il senso comunque unitario del lavoro che non mancherà di stupire grandi e piccini.

Andrea Palladio e i gatti di Vicenza (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)"Il corso alla Scuola Internazionale di Sarmede è stata una sfida, un mettersi alla prova per la realizzazione di un progetto editoriale concreto - racconta Matteo Perdon, uno dei quattro disegnatori vicentini coinvolti nel progetto - . Il docente del corso, diventato un vero e proprio Art Director, ci dava le direttive: formato del libro; dove il testo veniva posizionato e quanto spazio lasciargli attorno; quale palette di colori utilizzare; quali tecniche utilizzare. A metà del corso l'editore veniva a controllare gli sviluppi; diceva se certi elementi andavano bene o no; se un corsista aveva fatto più versioni di un lavoro l'Editore sceglieva. Tutto questo nel lasso di tempo di cinque giorni e mezzo! Partecipare a questo corso è stato energizzante: disegnare per un progetto editoriale; lavorare a più mani; confrontarsi e proporre soluzioni all'Art Director e all'Editore. Ho capito quanti processi stanno a monte di un progetto editoriale di questo tipo".

Andrea Palladio e i gatti di Vicenza (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)Zavrel, nato a Praga nel 1932, sin da bambino amava disegnare. Abbandona il suo paese per motivi politici e dopo una fuga rocambolesca, passando tra l’altro per una prigione in Jugoslavia e un campo profughi a Trieste, arriva in Italia. Nell’estate del 1967 acquista una casa a Rugolo, piccolo paese veneto situato tra Sarmede e Montaner, che diventerà ben presto un centro artistico-culturale di primo piano. Qui si incontrano artisti provenienti da tutto il mondo, gli stessi che costituiranno con i loro lavori il nucleo iniziale della prima “Rassegna Internazionale dell’illustrazione” a Sarmede, nel 1983. In breve tempo la Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia decolla e con grande successo approda anche in varie città e capitali europee. Nel 1988 organizza i suoi primi corsi di illustrazione: inizia così la storia della Scuola Internazionale d’Illustrazione Zavrel che nel tempo ha sfornato migliaia di artisti, molti dei quali rimangono fra i più grandi nel mondo dell’illustrazione per l’infanzia. Lo stesso Zavrel ha illustrato nel corso della sua vita una trentina di opere, pubblicate in tutto il mondo in oltre 30 lingue. La Fondazione Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia Stepan Zavrel nasce nel 1999, per ricordare l’artista e co-fondatore scomparso pochi mesi prima e per dar seguito ai due progetti principali da lui avviati: la Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia e la Scuola Internazionale d’Illustrazione.

Abbiamo incontrato l'autrice Laura Simeoni.



continua »

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar