NR. 13 anno XXVI DEL 28 MARZO 2021
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Politica improvvisata
meglio il voto”

facebookStampa la pagina invia la pagina

Politica improvvisata<br<
meglio il voto”

Non si vedono negli studi televisivi dei grandi dibattiti nazionali, non riescono a far sentire la propria voce da qualche mese, nonostante le grandi e importanti scelte che attendono il Paese per risollevarsi dalla recessione più grave del dopoguerra. Ma di fronte alla bomba deflagrata in parlamento in questi giorni le donne e gli uomini d'impresa non potevano più permettere il silenzio.
«Serve uno scatto di dignità. È finito il tempo degli schiamazzi e delle rivendicazioni di parte e retrobottega, dobbiamo metterci insieme», dice il presidente di Confindustria Veneto Luciano Vescovi. Che di fronte a tanta desolazione dice: «Meglio andare al voto, basta governicchi».
«Una classe dirigente che fa pena», erano state le parole usate all'ultima assemblea di Confindustria. I fatti non le hanno smentite. E l'associazione ribadisce quanta poca capacità e preparazione ci sia in Parlamento: una desolazione.
È una politica – per Confindustria – troppo personalistica e con manie di protagonismo, sempre alla ricerca dello scontro ideologico, che finisce per scollegarsi in maniera sempre più netta dalla realtà; ma la realtà bussa alla porta e chiede il conto. E non c'è più tempo: «L'accordo sul Recovery fund è dell'estate scorsa: un programma vago, da campagna elettorale, che verrebbe bocciato nella più scalcagnata delle aziende».

nr. 04 anno XXVI del 24 gennaio 2021

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar