NR. 41 anno XXVIII DEL 25 NOVEMBRE 2023
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Klimt, Sisi e Sachertorte la Vienna della cultura

Viaggio invernale nella capitale austriaca fra musei e grande freddo

di Tiziano Bullato
bullatot@tvavicenza.it

facebookStampa la pagina invia la pagina

Klimt, Sisi e Sachertorte la Vienna della cultura

Domenica 14 febbraio 2010. Vienna, palazzo del Belvedere Superiore: Claudia e io siamo a quattro o cinque metri da "Il bacio", uno dei quadri più famosi di Gustav Klimt e possiamo guardarlo dal vivo dopo averlo studiato e ammirato in tanti libri e illustrazioni. Potete immaginare un giorno di San Valentino migliore di questo? Del resto l'idea del viaggio come regalo per noi è sempre stata valida. Quest'anno a dire il vero San Valentino, festa commerciale e mai molto seguita, coincide con il periodo di vacanza dei ragazzi da scuola, per la fine di Carnevale, e allora una gita di qualche giorno a Vienna si può anche organizzare.

Bene, se vi venisse mai l'idea di andare a Vienna nel cuore dell'inverno, ricordatevi di portare il cappello di lana. Noi lo abbiamo portato ininterrottamente per quattro giorni e pare sia l'indumento più usato in questa bellissima città ghiacciata. Diversamente da come siamo abituati in Italia, qui nessuno gira a capo scoperto e le temperature, unite al vento gelido, inducono a massima prudenza ogni volta che si esce da casa, dalla metropolitana, da un museo. Se pensate che il nostro sia stato un inverno rigido, allora non sapete cosa sia l'inverno al di là dell'arco protettivo delle grandi Alpi: un salto termico che vi posso raccontare così: siamo partiti da Vienna alle cinque del pomeriggio con il termometro a meno due. Siamo arrivati dalle parti di Klagenfurt, nel viaggio di ritorno, con la temperatura a meno sette. Passate le Alpi abbiamo registrato più uno e, una volta raggiunta la pianura Padana, la colonnina di mercurio segnava sette gradi sopra lo zero, pur essendo ormai mezzanotte.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di scoprire insieme questa città meravigliosa, capitale di un impero e spesso avvolta dalla fama di essere ormai decadente: niente di più falso. È un centro dinamico, perfettamente al centro di una Europa che sconta il periodo di crisi economica, ma che non rinuncia alla ricerca sia in campo tecnologico che delle arti. Vienna offre, anche al viaggiatore più distratto, il volto di un centro giovane, perché pieno dei giovani studenti che affollano le sue ottime università e che giungono in riva al Danubio da ogni parte d'Europa per frequentare qui corsi specialistici o attraverso i programmi Erasmus.

NOTIZIE CORRELATE

continua »

Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar