NR. 01 anno XXV DEL 01 FEBBRAIO 2020
la domenica di vicenza
google
  • Newsletter Iscriviti!
 
 

Pronto soccorso: crescono i pazienti migranti

Il 35% dei pazienti del Pronto Soccorso di Vicenza è straniero. Molti i codici bianchi

di Gianna Tessaro
tgextra@tvavicenza.it

facebookStampa la pagina invia la pagina

Pronto soccorso: crescono i pazienti migranti

Il 35 per cento dei pazienti che accedono al pronto soccorso di Vicenza è straniero, praticamente uno su tre. Si tratta di immigrati africani, dell'est Europa, asiatici, cinesi e sudamericani, perlopiù in regola con il permesso di soggiorno anche se, qualche volta, fanno capolino in Pronto Soccorso Pronto soccorso: crescono i pazienti migranti (Art. corrente, Pag. 1, Foto generica)dei clandestini. In regola o no, l’assistenza dello staff del primario Vincendo Riboni è uguale per tutti. Ad ognuno è riservata attenzione, ascolto e professionalità.
«Il pronto Soccorso è una sorta di “porto di mare” dove arrivano tutti, sia chi soffre di patologie gravi sia chi non ha tempo di passare dal medico di base e si reca direttamente al Pronto Soccorso portando con sé la famiglia» spiega il primario Vincenzo Riboni [a des.] che, con tutto lo staff del reparto elargisce un impegno continuo 24 ore su 24, tra mille problemi e difficoltà, in primis quello della comunicazione. «Non è facile comprendere i sintomi e neppure spiegare al paziente che parla male l'italiano, perché deve pagare 25 euro di ticket in caso di codice bianco». Un problema, quello della comunicazione, che persiste nonostante l’impegno dimostrato dall’Ulss6 che nell’ultimo anno ha messo a punto un progetto di mediazione interculturale che però non riesce a far fronte alle tempistiche delle urgenze.

 

nr. 29 anno XVI del 30 luglio 2011

Guarda l'ultimo TG Extra
TG Extra on line
Come installare l'app
nel tuo smartphone
o tablet

Guarda il video per
Android    Apple® IOS®
- P.I. 01261960247
Engineered SITEngine by Telemar